Niccolò Ciatti, estradato il ceceno accusato dell’omicidio in discoteca

0
77

Estradato in Italia dalla Germania Rassoul Bissoultanov, il ceceno che nel 2017 sferrò il calcio mortale alla testa di Niccolò Ciatti durante una rissa scoppiata in una discoteca di Lloret de Mar.

omicidio niccolò ciatti, estradato ceceno assassino
Niccolò Ciatti

Rassoul Bissoultanov, il cittadino russo di origine cecena ritenuto responsabile dell’omicidio di Niccolò Ciatti, è stato consegnato all’Italia su decisione delle autorità giudiziarie tedesche. Lo rende noto la Farnesina, esprimendo “grande soddisfazione” per l’estradizione, conseguente a un mandato di arresto europeo emesso lo scorso anno dalla Procura della Repubblica di Roma.

Bissoultanov era stato arrestato in Germania ad agosto dalla polizia federale mentre passava il confine con la Francia. Fermato tra le città di Strasburgo e di Kehl, si trovava a bordo di un’auto insieme ad altre persone. Il 27 giugno scorso era stato scarcerato in Spagna in seguito alla scadenza dei termini massimi di detenzione preventiva ed era stato sottoposto a un obbligo di firma settimanale in attesa del processo.

Quando è stato arrestato aveva un permesso di 15 giorni per recarsi dalla famiglia. Per l’omicidio di Ciatti, oltre a lui sono indagati anche altri due ceceni. “I costanti contatti delle Ambasciate a Berlino e Madrid con le rispettive Autorità locali hanno consentito di conseguire questo importante risultato, fondamentale per evitare che l’accusato possa sottrarsi alla giustizia”, si legge nella nota del ministero degli Esteri.

Il padre di Niccolò, Luigi Ciatti, intervistato dall’Adnkronos ha sottolineato che l’estradizione è un “passo decisivo” verso quella giustizia che il figlio “merita e aspetta da tanto, troppo tempo”. Il suo auspicio è che Bissoultanov “passi il resto dei suoi giorni in carcere”.

Ti potrebbe interessare anche -> Jennifer trovata morta a 18 anni: sparita da giorni, è omicidio

Consegnato all’Italia Rassoul Bissoultanov: l’omicidio di Niccolò Ciatti

Niccolò Ciatti è stato ucciso all’età di 22 anni nella notte tra il 12 e il 13 agosto del 2017. A risultare fatale per la vita del ragazzo era stato un violento calcio sferrato alla testa da parte di Rassoul Bissoultanov in una discoteca di Lloret de Mar. Ciatti si trovava in Spagna per trascorrere una vacanza insieme ai suoi amici.

Durante quella serata la giovane vittima, di origini fiorentine, era finita in mezzo a una rissa tra la sua comitiva e un’altra di ceceni, per poi morire dopo il brutale pestaggio in un ospedale della nota località marittima. Bissoultanov è un lottatore eserto di Mma ed è figlio di rifugiati politici che vivono a Strasburgo. Accusato di omicidio, il 26 novembre dovrebbe iniziare il processo presso il tribunale di Girona, in Spagna.