Lapo Elkann e il matrimonio con Joana: ieri il grande giorno

0
202

L’ex campionessa di rally Joana Lemos ha già alle spalle un matrimonio con Manuel Reymão Nogueira è la nuova moglie di Lapo Elkann. 

Sono state celebrate le nozze di Lapo Elkann ha sposato Joana Mascarenhas de Lemos, un’ex pilota portoghese. Il matrimonio è stato celebrato ieri, 7 ottobre 2021, proprio il giorno in cui Lapo ha compiuto 44 anni. Le nozze si sono tenute in gran segreto, infatti Lapo non ha voluto che i giornalisti immortalassero il suo “sì” più importante.

La coppia si sarebbe sposata in Portogallo, il paese di origine di Joana nonché il posto in cui quasi due anni fa si sono conosciuti e innamorati. Tra gli invitati solo amici più stretti e le famiglie. Lapo Elkann (@lapoelkann_) si è sposato in Portogallo quindi, ma per avere la certezza delle nozze non resta che attendere interviste o foto della coppia. Lapo Elkann prima del suo matrimonio ha raccontato che Joana lo ha aiutato molto da quando si sono incontrati. La loro relazione è molto più profonda e seria rispetto alle storie che ha avuto in passato.

Chi è Joana de Lemos la moglie di Lapo Elkann

Joana è una manager molto affermata e attiva nel sociale, ha già alle spalle un matrimonio con Manuel Reymão Nogueira, e da lui ha avuto i suoi due figli Tomàs e Martim. La moglie di Lapo ha la passione per per le auto veloci, infatti condividono insieme la passione per le automobili ereditata dalla sua famiglia, la Famiglia Agnelli, padrona del mondo Fiat.

POTREBBE INTERESSARTI: Filippa Lagerback, chi è la figlia Stella Bossari: a 18 anni scelta importante

L’amore fra i due è nato grazie al loro amore per il sociale, entrambi infatti hanno avuto il colpo di fulmine in una cena di beneficenza organizzata dagli zii di Elkann nel 2020, sempre in Portogallo. Nell’impegno sociale di Lapo c’è anche la creazione della Fondazione Lapis, che si concentra a favore dei Minori e in contrasto con situazioni e/o contesti di povertà educativa, privilegiando una progettualità a favore di minori con bisogni educativi speciali (disabilità, disturbi specifici dell’apprendimento, fragilità socio-economica…), come vicepresidente della fondazione c’è proprio Joana.