Benevento: incendio nell’area industriale di Airola, nube fino a Napoli

0
105

La fabbrica del gruppo Sapa è stata coinvolta in un grave incendio. Il Comune di Benevento ha comunicato ai cittadini di chiudere le finestre e lasciare le proprie abitazioni se investite dal fumo, nel frattempo una nube nera si sta diffondendo nell’area.

Un grave incendio è divampato in un deposito di materiale plastico della fabbrica del gruppo Sapa, azienda che si occupa della produzione di componenti in plastica per l’industria automobilistica nell’area industriale di Airola, in provincia di Benevento (Campania).

Salerno incendio battipaglia
Vigili del Fuoco (Getty Images)

Nel pomeriggio di ieri, 13 ottobre, si sono sentite delle forti esplosioni. Le fiamme hanno circondato l’intera azienda e sono bruciati bancali di legno e plastica, rendendo l’aria irrespirabile.

I cittadini sono stati messi allerta dal comune: chiudere le finestre e lasciare le proprie case se queste vengono circondate dalle fiamme. Le scuole sono state chiuse nella giornata di oggi. Il panico si è diffuso tra molti, che hanno deciso di lasciare le abitazioni e di cercare un riparo altrove.

Si è diffusa una spaventosa nube nera, tossica, visibile anche a chilometri di distanza dalla zona in cui è divampato l’incendio: è stata percepita a Napoli ed in alcuni comuni in Caserta.

Benevento: il secondo incendio in un mese in Campania, situazione grave

Per poter spegnere il rogo sono intervenute diverse squadre di pompieri provenienti da tutta la Campania. Sono state dettate delle direttive tecnico-operative con lo scopo di minimizzare l’impatto ambientale delle attività di spegnimento.

Non sono ancora state accertate le cause dell’incendio e bisognerà aspettare che venga spento per poter risalire agli elementi utili per ricostruire la vicenda.

Emilio Borrelli, consigliere della Regione Campania, ha espresso la sua preoccupazione e quella dei colleghi per gli incendi che divampano frequentemente nella regione. “Abbiamo chiesto immediatamente all’Arpac di fare le dovute analisi” ha dichiarato, per poi aggiungere “Ci domandiamo come sia possibile un numero così frequente di roghi in aziende e capannoni industriali sul territorio campano”.

Borelli si è lamentato del fatto che, nonostante dovrebbero esserci sistemi antincendio moderni ed efficaci, accadono continuamente incidenti. In questo caso, si tratta del secondo incendio in un mese in Campania, dopo quello del 16 settembre nella zona industriale di Carinaro (Caserta).