Neonata morta in un hospice, i genitori: “Ce l’hanno negata”

Il dramma di una neonata morta in un hospice, i genitori hanno perso la loro battaglia: “Ce l’hanno negata”, cosa è successo.

Una bambina di due anni gravemente malata i cui genitori volevano che fosse a casa alla fine della sua vita è morta in un hospice. Una sentenza ha negato ai genitori le ultime intenzioni per quanto concerneva la loro piccola.

il dramma della piccola Alta

Secondo quanto riporta la BBC, Alta Fixsler, di Salford, ha subito una lesione cerebrale alla nascita ed è morta, circondata dalla sua famiglia, lunedì. Ma è morta in un hospice nonostante la contrarietà dei suoi cari, che avevano dato il via a una battaglia legale che aveva fatto il giro del mondo.

Ti potrebbe interessare anche ->  Palma Reale, la giovane mamma è morta dopo il parto: aveva il Covid

All’inizio di questo mese, i suoi genitori hanno perso la loro battaglia legale contro la Manchester University NHS Foundation Trust per il ritiro del supporto vitale a casa piuttosto che in ospedale o in un ospizio. Suo padre ha detto alla BBC che Alta “era tutto il nostro mondo”. Un giudice dell’Alta Corte aveva stabilito che le sue cure dovessero proseguire in un hospice per infanti.

Ti potrebbe interessare anche -> Metadone al neonato che muore: genitori nei guai

Il caso della neonata morta in hospice e le polemiche dei suoi genitori

Neonata positiva al Covid

Straziante è il racconto del padre della piccola: “Ha combattuto per la sua vita per tre ore dopo che il supporto vitale è stato disattivato”. Dopo la lesione cerebrale alla nascita, Alta è stata lasciata incapace di respirare, bere o mangiare senza assistenza medica. Una denuncia gravissima quella dei genitori della piccola. Suo padre ha detto che la lunga battaglia in tribunale è stata “molto dolorosa”.

Alla fine la giustizia britannica non ha permesso ai genitori della piccola di portarla a casa e farla morire lì. Un braccio di ferro che è andato avanti per mesi, coinvolgendo anche l’opinione pubblica britannica attorno a questo ennesimo caso di coscienza, che si è risolto nel peggiore dei modi per i familiari della bambina. I genitori della ragazza, che sono ebrei chassidici, in precedenza avevano perso la loro battaglia contro la rimozione del supporto vitale.

Roccapiemonte neonato morto genitori

Avevano sostenuto che era contro la loro fede. Suo padre in precedenza aveva detto al programma Today di BBC Radio 4 che portarla a casa era “qualcosa che volevamo dal primo giorno quando i medici hanno detto che non avrebbe vissuto più di poche ore”. Il giudice dell’Alta Corte, il giudice MacDonald, aveva anche rifiutato il trasferimento all’estero della bambina.