Ivana Spagna e Dalida: cosa hanno in comune le due cantanti

Un aneddoto poco conosciuto su Ivana Spagna e Dalida: cosa hanno in comune le due cantanti amatissime dal pubblico.

Cinquant’anni di carriera e non dimostrarli: perché pochi sanno che il primo singolo di Ivana Spagna, classe 1954, è datato 1971, ovvero esattamente 50 anni fa. Altrettanto pochi sanno che in quell’anno la sua carriera si incrocia con quella di Dalida.

“Colpa” di un brano divenuto poi un classico della canzone, ovvero Mamy Blue, composto dall’autore francese Hubert Giraud e inciso per la prima volta nel dicembre del 1970 da Nicoletta. Il brano fece parte di un 45 giri della cantante che nel lato B aveva incisa la canzone Visage.

Leggi anche –> Ivana Spagna, il segreto della cantante: “Parlo coi morti”

Lo stesso brano venne tradotto in italiano dal maestro Herbert Pagani, autore di decine di brani memorabili. A cantarlo per la prima volta in italiano c’era proprio lei, Ivana Spagna. La canzone infatti venne pubblicata su 45 giri dall’etichetta discografica Dischi Ricordi nel 1971. Il lato B era un brano rimasto sconosciuto, È finita la primavera.

Leggi anche –> Ivana Spagna, ex marito Patrick Debort: fu matrimonio lampo

Mamy Blue, un brano che accomuna Ivana Spagna a Dalida

In tutto questo cosa c’entra Dalida? Forse lo avrete già capito perché del brano Mamy Blue probabilmente ricorderete la sua versione. La versione di Ivana Spagna della canzone fu un flop e l’anno successivo il brano venne nuovamente cantato stavolta da Dalida. Si tratta di una canzone che ebbe un successo planetario.

Infatti, Mamy Blue nelle varie versioni fu un singolo rimasto in vetta alle classifiche di mezza Europa, in Germania e Svizzera per dieci settimane, in Francia per quattro settimane, e così via. In Italia, il successo fu altrettanto strepitoso, ma non solo: convinse altri a interpretarlo.

Tra questi Ricky Shayne e il grande Johnny Dorelli, che la canta sempre nel 1971. La versione inglese viene cantata da Roger Whittaker e inizialmente ottiene molto più successo all’estero che nel Regno Unito.