Frosinone: indagato per omicidio il tabaccaio che ha sparato ad un ladro

0
115

Frosinone. Indagato per omicidio il tabaccaio che ha sparato e ucciso un ladro che si era infiltrato nella sua abitazione. 

Sandro Fiorelli è il nome del tabaccaio che, nella serata di ieri, ha sparato ad un ladro che era entrato nella sua abitazione insieme a dei complici. Ora l’uomo è indagato per omicidio ma per il momento non sono scattate misure cautelari nei suoi confronti.

Mirel Joaca Bine, invece, è il nome del bandito che ha perso la vita nel tentativo di furto. Nel frattempo, le autorità stanno cercando i suoi complici. Le indagini da parte dei carabinieri della Compagnia di Sora e del reparto Operativo provinciale sono in corso.

Frosinone: tabaccaio uccide un ladro entrato in casa sua

I fatti si sarebbero svolti poco dopo le ore 20.00 di lunedì 25 ottobre a Santopadre, in provincia di Frosinone.

scontro monopattino scooter
Getty Images

Sandro Fiorelli, 59 anni, stava rientrando in casa insieme al figlio adolescente ed è stato proprio quest’ultimo a rendersi conto della presenza degli estranei. Il tabaccaio ha spiegato alle autorità di aver premuto il grilletto del suo fucile calibro 12 per difendersi dal bandito che lo stava minacciando con la sua pistola, che in base alle fonti avrebbe avuto il colpo in canna. Sandro Fiorelli in passato è stato vittima di più furti ed il suo gesto potrebbe essere stato frutto dell’esasperazione.

Sandro De Gasperis, l’avvocato che sta assistendo Fiorelli e la sua famiglia, ha affermato  che al momento il tabaccaio è indagato per omicidio. È stato aperto il fascicolo con il suo nome ma per ora non sono state fatte scattare delle misure cautelari nei suoi confronti, poiché mancano gli elementi necessari.

Mirel Joaca Bine, il bandito che ha perso la vita, aveva 34 anni e era entrato nella villa di Fiorelli insieme a tre o quattro complici. Gli altri banditi sono scappati subito dopo esser stati scoperti a bordo di un’auto di colore chiaro.

I carabinieri e la polizia sono alla ricerca dei complici e, secondo un’ipotesi, potrebbe trattarsi di una banda che nell’ultimo periodo ha fatto più rapine nella zona di Sora, sempre nel Frosinone.