Chiara Di Credico, com’è morta? La sorella vuole la verità sull’incidente

0
275

Chiara Di Credico ha battuto violentemente la testa in un incidente stradale ma ancora non è chiaro perché abbia frenato

Serena e tutta la famiglia di Chiara cercano la verità. È ormai passato un mese da quel maledetto giorno ma ci sono dei punti non chiari che devono essere illuminati.

Chiara Di Credico
Chiara Di Credico (foto Facebook)

In un video-appello la sorella di Chiara, Serena, ricostruisce i fatti e chiede aiuto. Era il 24 settembre scorso, alle 19.30 circa, quando in sella alla sua moto stava percorrendo la Strada Statale 374 in provincia di Lecce.

La vittima, 37 anni, era un amico, avanti su un’altra moto. Erano in prossimità di una rotonda, a circa 150 metri, quando Chiara ha un incidente: frena bruscamente ma ancora oggi non si sa perché e purtroppo quella rotonda non ha telecamere.

Grazie a un’altra telecamera, però, qualcosa si vede. Cadendo colpisce violentemente con la testa un auto che circolava in senso opposto, morendo sul colpo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Falsi Green pass superano i controlli: sono intestati a Hitler

Chiara Di Credico, cosa non torna dell’incidente

Dietro la moto di Chiara c’era un altro mezzo, un Fiorino o un Doblò, un mezzo dunque più commerciale, di colore bianco e con a bordo due uomini. Ma cosa ha provocato la frenata? Sull’asfalto è stata lasciata una striscia di circa tre metri, una lunghezza elevata e che ben fa capire la portata della frenata.

Faccio un’appello a chiunque abbia visto qualcosa, qualsiasi cosa“, dice la sorella nel video, per ricostruire bene la dinamica e capire cosa abbia provocato la frenata.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Maltempo Catania: ecco i motivi del disastro

“Chiedo a tutti quelli che erano lì quella sera di mettersi una mano sul cuore e aiutarci a capire il perché Chiara frena in maniera così decisa”, dice rivolgendosi in particolare ai due uomini che erano sul mezzo dietro la sorella. “Con il cuore” chiede Serena, proprio come la sorella aiutava gli animali nei rifugi. Il video termina con la voce rotta dal dolore. “Aiutateci a capire. Chiara non c’è più”.