Morto Sunao Tsuboi: era l’ultimo sopravvissuto di Hiroshima

0
172

Sunao Tsuboi, sopravvissuto alla bomba atomica di Hiroshima e attivista per il disarmo nucleare, è morto all’età di 96 anni.

La notizia è di queste ore e sicuramente è altamente simbolica, perché con la sua morte si chiude – almeno si spera – una delle pagine più drammatiche del Novecento: Sunao Tsuboi, sopravvissuto alla bomba atomica di Hiroshima e attivista per il disarmo nucleare, è morto all’età di 96 anni.

(Junko Kimura/Getty Images)

Nihon Hidankyo, il gruppo di sopravvissuti alla bomba atomica da lui guidato, ha affermato che la causa della morte è stata un battito cardiaco irregolare causato dall’anemia. Il noto attivista, che per una vita ha lottato contro il disarmo nucleare, è deceduto il 24 ottobre in un ospedale di Hiroshima.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Falsi Green pass superano i controlli: sono intestati a Hitler

Nato il 5 maggio 1925, Tsuboi aveva 20 anni quando gli Stati Uniti sganciarono una bomba atomica sulla sua città natale il 6 agosto 1945. Stava andando alla scuola di ingegneria quando la bomba colpì la città di Hiroshima, uccidendo almeno 140mila persone. Tre giorni dopo, gli Usa bombardarono Nagasaki: l’ordigno nucleare provocò oltre 70mila morti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Napoli: Ilona Castaldo morta a 26 anni sull’Autostrada A1

La storia di Sunao Tsuboi, il sopravvissuto di Hiroshima

Il Giappone si arrese formalmente il 15 agosto, ma il massacro compiuto in quei giorni a Hiroshima e Nagasaki va ben oltre l’orrore di una guerra andata avanti per cinque anni. “Ho subito ustioni su tutto il corpo”, ha detto Tsuboi nel 2016. La sua testimonianza è straziante: “Nudo, ho cercato di scappare per circa tre ore il 6 agosto, ma alla fine non riuscivo più a camminare”.

Parlare di Sunao Tsuboi come di un sopravvissuto è quasi riduttivo: il giovane ha ripreso conoscenza 40 giorni dopo il bombardamento, ma era così debole che ha dovuto iniziare muoversi gattonando. Una parte del suo orecchio era sparita a causa delle ustioni. In seguito, ho sviluppato il cancro e altre malattie. Da quel giorni, sono passati 76 anni e l’essere sopravvissuto è visto come un miracolo.

La sua esperienza lo ha portato a diventare un importante sostenitore dei sopravvissuti alla bomba atomica. La missione della sua vita era un mondo libero dal nucleare. Ha detto: “Posso tollerare le difficoltà per il bene della felicità umana. Potrei morire domani, ma sono ottimista. Non mi arrenderò mai. Vogliamo zero armi nucleari”.

L’incontro con Barak Obama

Tsuboi è stato uno dei sopravvissuti che ha incontrato il presidente degli Stati Uniti Barack Obama durante la sua storica visita a Hiroshima. Ha tenuto le mani del primo presidente degli Stati Uniti in carica nel corso della visita del Capo di Stato Usa alla città di Hiroshima e ha persino condiviso una risata. Più tardi, ha detto: “Sono stato in grado di trasmettere i miei pensieri”.

Vasto è il cordoglio per la sua morte, con Akira Kawasaki di ICAN, Campagna Internazionale per l’Abolizione delle Armi Nucleari, che ha affermato: “Non dobbiamo solo piangere la morte di un grande leader per la nostra causa, ma dobbiamo anche continuare nel suo cammino, imperterriti, e ricorda sempre le sue parole”. Oltre a un grande vuoto nel movimento pacifista internazionale, l’uomo lascia tre figli.