E se la Cina conquistasse alcune isole taiwanesi?

Molti politologi si chiedono se le minacce della Cina avranno un reale riscontro. Ma la domanda chiave è: e se la Cina conquistasse una delle isole satelliti di Taiwan? 

(Photo by An Rong Xu/Getty Images)

Un domanda che gli Stati Uniti molto probabilmente si stanno ponendo e alla quale la CNN ha cercato di dare una spiegazione. Se dovesse realizzarsi questo scenario, gli stessi Stati Uniti potrebbero deludere le aspettative sulla difesa di Taiwan.

Pochi giorni fa lo stesso Biden aveva promesso che gli Stati Uniti avrebbero difeso Taiwan da qualsiasi tentativo di attacco da parte della Cina. Affermazioni che avevano poi subito qualche piccola rimodulazione da un portavoce della Casa Bianca.

Una escalation delle minacce di conquista da parte della Cina si è avuta negli ultimi mesi. Adesso, come spiega la CNN, un rapporto del Center for a New American Security, traccia un possibili scenario su come potrebbero reagire gli Stati Uniti se la Cina dovesse conquistare una delle isole periferiche di Taiwan come Dongsha.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cresce la tensione tra Cina e Taiwan, Xi Jinping: “Taiwan sarà riunificata”

Lo scenario delineato dalla simulazione effettuata dal Center for a New American Security complicherebbe l’eventuale intervento degli Stai Uniti, con il rischio di essere tagliati totalmente fuori. La ricerca suggerirebbe un coordinamento multilaterale con la collaborazione del Giappone, per evitare la presa dell’isola.

Poche settimane fa, il ministro della Difesa taiwanese ha detto che la Cina sarà capace, entro il 2025 di organizzare l’invasione di Taiwan. Rimane il fatto che gli Stati Uniti forniscono armi a Taiwan ma non è chiaro se e come gli Stati Uniti difenderebbero Taipei.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Biden pronto a difendere Taiwan dalla Cina

Intanto la Cina ha affermato, attraverso il portavoce dell’Ufficio del governo di Pechino per gli Affari con Taipei, Ma Xiaoguang, che “Taiwan non ha alcun diritto di partecipare all’Onu”, alimentando ulteriormente l’attrito tra i due paesi. Al momento però l’intelligence americana non teme la minaccia di una invasione, anche per assenza di reali indizi, ma i primi campanelli di allarme suggeriscono di monitorare costantemente la situazione e di prepararsi ad ogni evenienza.