Valeria Fabrizi, il dramma improvviso della morte del marito: ecco chi era

0
294
Tata Giacobetti era il marito di Valeria Fabrizi, i due sono stati sposati a lungo, ma nel 1988 il paroliere e musicista, membro del Quartetto Cetra, viene a mancare.

Tata Giacobetti, all’anagrafe Giovanni Giacobetti, marito dell’attrice Valeria Fabrizi, è morto nel 1988 a causa di un infarto. Il cantante era una dei membri del quartetto Cetra. Giacobetti oltre ad essere un famoso cantante era anche un contrabbassista, paroliere e attore. La sua carriera durò oltre 40 anni, durante i quali fu protagonista come cantante e attore alla radio, in teatro, in televisione, al cinema e nella pubblicità. Al momento l’artista riposa nel cimitero della sua città natale Verano, in provincia di Roma.

POTREBBE INTERESSARTI: Loredana Bertè fidanzata o single: ecco tutti i suoi ex amori

Tata Giacobetti (a sinistra), marito di Valeria Fabrizi (a destra)
Tata Giacobetti (a sinistra), marito di Valeria Fabrizi (a destra)

Chi era Tata Giacobetti marito di Valeria Fabrizi

Giacobetti entra nel mondo della musica imparando da autodidatta il contrabbasso. I suoi studi li ha compiuti  all’Accademia di Belle Arti di Roma, mentre la sera si dilettava a cantare nelle serate locali.

Nel 1940 fondò il quartetto vocale che all’inizio prendeva il nome di Quartetto Egie che era il risultato dell’insieme delle iniziali dei nomi dei componenti. Il gruppo in seguito cambiò formazione e  divenne Quartetto Cetra formato da formato da Giovanni “Tata” Giacobetti che viene ricordato come “il bello“, Felice Chiusano, Giovanni “Tata” Giacobetti, Lucia Mannucci e Virgilio Savona.

Giacobetti scrisse la maggior parte dei testi del gruppo, mentre l’arrangiamento musicale veniva fatto da Virgilio Savona, altro componente del gruppo. Dal 1941 al1988, l’anno in cui il quartetto si sciolse, composero centinaia di canzoni
Della vita privata dell’artista sappiamo che ha sposato Valeria Fabrizi, una delle attrici che recitò  nel western musicale composto da lui, dal nome  “Non cantare, spara” del 1968. Dall’amore dei due nacque la loro unica figlia  Giorgia. Il compositore muore all’età di 66 anni per un infarto e da allora il quartetto ha deciso di terminare il suo percorso musicale.