Wilbur Smith, morto il grande scrittore: il successo e la malattia

Un grave lutto ha colpito il mondo della letteratura, Wilbur Smith, morto il grande scrittore: il successo e la malattia.

L’autore di bestseller Wilbur Smith è morto sabato nella sua casa in Sudafrica dopo una carriera decennale nella scrittura, ha detto il suo ufficio stampa. Aveva 88 anni. Con 49 titoli al suo attivo, Smith era diventato un nome familiare, con le sue storie di avventura che portano i lettori dalle isole tropicali alle giungle dell’Africa e persino all’Antico Egitto e alla Seconda Guerra Mondiale.

Kevin Conroy Scott, il suo agente letterario negli ultimi dieci anni, lo ha descritto come “un’icona, il più grande di sempre” e ha affermato che la sua “conoscenza dell’Africa e la sua immaginazione non conoscevano limiti”. Una dichiarazione rilasciata sul sito web di Wilbur Smith Books fa chiarezza sul suo decesso.

Leggi anche –> Gabriele Defilippi oggi: chi è il giovane condannato per l’omicidio Rosboch

Secondo quanto riportato, “Wilbur Smith è morto inaspettatamente questo pomeriggio nella sua casa di Cape Town dopo una mattinata passata a leggere e scrivere con sua moglie Niso al suo fianco”. Tale dichiarazione non rende pubbliche le cause della morte, anche se si pensa a un infarto come causa principale.

Leggi anche –> Stuprata in paese: ragazza di 16 anni muore suicida “per la vergogna”

Chi era Wilbur Smith, il grande scrittore morto nelle scorse ore

La sua casa editrice spiega: “Maestro indiscusso e inimitabile della scrittura d’avventura, i romanzi di Wilbur Smith hanno catturato i lettori per oltre mezzo secolo, vendendo oltre 140 milioni di copie in tutto il mondo in più di trenta lingue”. L’autore era amatissimo e vendutissimo anche nel nostro Paese. Smith “lascia dietro di sé un tesoro di romanzi”, inclusi libri inediti come co-autore, secondo Kate Parkin, amministratore delegato di Bonnier Books.

Il suo romanzo d’esordio del 1964 “Il destino del leone”, la storia di un giovane che cresce in un ranch di bestiame sudafricano, è diventato un bestseller istantaneo e ha portato a 15 sequel, ripercorrendo le fortune di una famiglia ambiziosa per oltre 200 anni. Nato in Zambia nel 1933 da una famiglia britannica, era anche un grande cacciatore di selvaggina. Aveva anche il brevetto di pilota ed era un subacqueo.

Inoltre, gestiva la propria riserva di caccia e possedeva un’isola tropicale alle Seychelles. Ha attribuito a sua madre il merito di avergli insegnato ad amare la natura e la lettura, mentre suo padre – dal carattere estremamente rigoroso – gli ha dato un fucile all’età di otto anni. Ha contratto la malaria cerebrale quando aveva solo un anno e mezzo e si pensava non potesse sopravvivere. Si è sposato quattro volte, con la sua ultima moglie, Mokhiniso Rakhimova dal Tagikistan, più giovane di 39 anni.