Covid: in Europa i paesi stanno rafforzando le misure per i non vaccinati

La quarta ondata ha colpito pianamente l’Europa. Sono diversi i paesi che hanno accelerato per inasprire le misure di contenimento, soprattutto per i non vaccinati.

(Photo by Maja Hitij/Getty Images)

I governi di diversi paesi europei hanno intrapreso la strada che porta ad applicare maggiori misure restrittive nei confronti dei non vaccinati. Politiche di questo genere sono ormai discusse dai leader dei principali paesi europei che stanno subendo la quarta ondata della pandemia Covid.

Per ultima, come spiega la CNN, potrebbe essere la Germania a proporre al parlamento, una serie di misure più restrittive che andrebbero ad avere effetto per la maggior parte sui non vaccinati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ed Sheeran positivo al Covid: ecco come sta adesso il cantante

La condizione in cui versa il paese, che ha toccato anche punte di 50.000 contagi al giorno, con le strutture sanitarie costrette ad affrontare una dura sfida, suggerisce come il rischio sia altrettanto reale anche per altri paesi. Così la Germania si avvicinerebbe al modello italiano del green pass.

Misure come quelle sulle quali si sta attivando la Germania, sono in gran parte quelle che altri paesi dell’Unione europea hanno già applicato o che si accingono a farlo in prossimità delle festività natalizie.

Nella capitale Berlino, la misura è stata già applicata, e prevede che gli ingressi in ristoranti, bar e luoghi di intrattenimento come i cinema, saranno permessi solo a chi è in possesso di un certificato di avvenuta guarigione dalla Covid-19 o per chi dimostrerà di aver concluso il ciclo vaccinale. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, allarme quarta ondata: “L’Europa di nuovo epicentro”

Misure molto più restrittive sono state invece quelle intraprese dall’Austria, dove un terzo della popolazione è sprovvista di vaccino. Nel paese, i non vaccinati saranno costretti ad affrontare un lockdown mirato e non potranno lasciare le proprie abitazioni se non per motivi specifici. Il nuovo premier Alexander Schallenberg ha così imposto una misura che prevede anche controlli continui da parte della polizia.

Il rischio è quello che anche l’Italia sarà costretta ad inasprire le misure, molto probabilmente nei confronti dei non vaccinati, e questo, come prevedibile, spingerà molti ad un dibattito molto delicato. D’altro canto, i paesi più sicuri e con un tasso di contagio più basso, sono Portogallo e Spagna, paesi con al più alta percentuale di vaccinazioni.