Lutto nella musica: morto il Premio Oscar e star del musical

Stephen Sondheim è morto: un grave lutto colpisce il mondo della musica, ha vinto un premio Oscar ed è stata una star del musical.

Il mondo della musica internazionale è sotto choc per la morte di Stephen Sondheim. Realizzando il suo primo grande successo con West Side Story a 27 anni, il compositore e paroliere statunitense ha innalzato lo status del musical quale forma d’arte.

Nel corso di una celebre carriera che dura da oltre 60 anni, Sondheim ha co-creato classici del teatro di Broadway come West Side Story, Gypsy, Sweeney Todd e Into the Woods, che sono diventati anche film di successo. Ha scritto colonne sonore originali per i film Stavisky il grande truffatore (1974), Reds (1980) e Dick Tracy (1990).

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> The Voice Senior: chi sono i cantanti alle Blind Auditions

In particolare, il brano originale di questo ultimo film, “Sooner or Later”, gli valse l’Oscar alla migliore canzone nel 1991. . Le sue canzoni intricate e straordinariamente intelligenti hanno spinto i confini della forma d’arte e ha realizzato capolavori commoventi e divertenti da argomenti improbabili.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Erminio Sinni dopo The Voice Senior: il cantante domani si sposa

Morto Stephen Sondheim, compositore geniale

Per citare un solo titolo e capire la dimensione del genio, Sweeney Todd racconta le vicende di un barbiere omicida. Sondheim elevò lo status del musical, che era stato spesso considerato un intrattenimento familiare confortante e non avventuroso, facendogli esplorare nuovi confini.

Mentre molti creatori di teatro musicale si specializzano come compositore o paroliere, Sondheim eccelleva in entrambi. Dopo essersi affermato a Broadway, il suo nome ha fatto il giro del mondo: nei suoi spettacoli, non si occupava solo della musica, ma anche della stesura dei brani che andava a comporre.

L’ultimo lavoro a cui aveva messo mano era il remake di West Side Story, regia di Steven Spielberg, distribuito il 25 aprile 2021, in occasione della Notte degli Oscar. Si tratta del secondo rifacimento del celebre musical che Sondheim e altri avevano firmato in passato. La pellicola era stata bloccata a causa della pandemia.