Luca Trapanese, papà single di una bambina down: la sua storia

Luca Trapanese, genitore single che nel 2018 ha adottato la piccola Alba, una bambina down abbandonata dai suoi genitori. Ora si batta per la legge sulle adozioni. 

Luca Trapanese è conosciuto come il primo caso in Italia di genitore single omosessuale ad aver adottato una bambina down. L’uomo più volte ha dichiarato la consapevolezza delle proprie scelte, e che ha scelto di usare il suo vissuto di disabilità in casa, per aiutare una bambina con sindrome down.

POTREBBE INTERESSARTI: Martina Riberti, morta a 18 anni: la tragedia sull’Autostrada A10

Luca Trapanese a destra e sua figlia Alba a sinistra (fonte: instagram)
Luca Trapanese a destra e sua figlia Alba a sinistra (fonte: instagram)

Trapanese è un cattolico praticante, e attualmente combatte per cambiare la legge sulle adozioni e per dimostrare che è possibile per tutti crescere un figlio, l’importante è che ci sia amore. Nel 2018 ha adottato nel 2018 una bambina down di nome Alba. L’uomo ha scelto di condividere la sua storia sui social, che subito è diventata virale. Il suo profilo Instagram infatti ad oggi conta più di 400mila follower (@trapaluca), in cui condivide soprattutto foto della piccola Alba mentre svolgono le più svariate attività.

Chi è Luca Trapanese

Trapanese nasce a Napoli il 14 gennaio 1977. La sua passione sono i viaggi in giro per il mondo, soprattutto India e l’Africa, dove svolge da sempre la sua attività di volontariato con l’Associazione delle suore di Madre Teresa. Luca racconta che l’esperienza che ha cambiato la sua vita è quella fatta a Lourdes, dove ha instaurato intensi rapporti con tanti ragazzi disabili.

POTREBBE INTERESSARTI: Claudio Scazzi: chi è e cosa fa il fratello di Sarah, uccisa ad Avetrana

Recentemente Trapanese ha fondato l’associazione “A Ruota Libera Onlus”, insieme a Eduardo Savarese, con l’obiettivo di creare progetti ad hoc legati alla disabilità. Dopo questa esperienza ha deciso di continuare la sua opera con i ragazzi disabili senza genitori creando quella che oggi è “Il borgo Sociale”. Svolge prevalentemente l’attività di casa famiglia per bambini con gravi malformazioni, ed unica in tutto il Sud Italia, “La Casa di Matteo”.

Attualmente è impegnato come assessore al welfare del Comune di Napoli. Tra le passioni di Luca, oltre i viaggi, c’è l’arte, nello specifico i dipinti ad acquerelli, e la scrittura. Trapanese infatti ha scritto  “Le nostre imperfezioni”, pubblicato da Salani, un  romanzo con cui Luca racconta la storia d’amore tra Livio, attivista napoletano del terzo settore, e Pietro, coetaneo disabile conosciuto sul cammino di Santiago.