Darko Ristic, chi c’è dietro il procuratore di Vlahovic: cifre e polemiche

Dusan Vlahovic è riuscito a distinguersi, diventando uno degli attaccanti più desiderati d’Europa. Il calciatore serbo sembrerebbe intenzionato a lasciare la Fiorentina ma si è creata una polemica intorno alla figura del suo procuratore, Darko Ristic, e altri membri della International Sports Agency di Belgrado.

Dusan Vlahovic, classe 2000, è un giovane e promettente calciatore, attaccante del Fiorentina che, però, sembrerebbe intenzionato a lasciare la squadra.

Vlahovic
Vlahovic (Getty Images)

Il caso di Vlahovic e della polemica nata intorno alla figura del suo procuratore, Darko Ristic, e della International Sports Agency di Belgrado, verrà analizzato oggi – lunedì 6 dicembre – su Rai 3 dalle 21.15 con l’inchiesta di Report intitolata “Febbre a 90”.

Vlahovic: i legami tra la sua agenzia ed il governo serbo

La trattativa per il rinnovo del contratto di Vlahovic non sta andando per il meglio e le parole di Rocco Comissi, presidente della Fiorentina, confermano le ipotesi dell’influenza della International Sports Agency, agenzia di Belgrado fondata nel 2015. “Non mi faccio ricattare dagli agenti” ha affermato Comissi.

Ristic Vlahovic
(screenshot video)

L’agenzia di Vlahovic è guidata da interessi economici e rapporti con il mondo della politica e la probabile uscita di Dusan dal Fiorentina sarebbe legata all’influenza di più persone. In primis, c’è il procurato del calciatore, Darko Ristic.

Oltre a Ristic, ci sarebbe Danilo Vucic: in base a quanto riferito da FirenzeViola.it, Vucic è una figura importante all’interno della International Sports Agency ed è il figlio di Aleksandar Vucic, presidente della Repubblica serba. Danilo e Dusan, secondo le fonti, sarebbero amici da diversi anni. Un altro nome menzionato è quello di Dejan Grgic, giovane businessman che si occupa dell’intermediazione tra Vlahovic ed il Fiorentina. Grgic, infatti, si è presentato svariate volte a Firenze per contrattare con la squadra.

Oltre alle persone citate ci sono molti altri collaboratori, serbi e italiani, che hanno permesso all’agenzia di andare avanti all’interno del mercato in modo più veloce ed efficace. La International Sports Agency, infatti, è riuscita in pochi anni ad aggiudicarsi una grande autorità nel mondo del calcio, grazie ai legami con il governo serbo.