La nuova crociera ibrida elettrica-GNL arriverà nel 2023

Una nuova lussuosa nave da crociera è pronta a salpare nel 2023. Un sistema ibrido le consentirà di accedere in alcuni porti con zero emissioni, grazie alla sue elettrificazione. 

(Photo by Sean Gallup/Getty Images)

Il 2023 segnerà l’arrivo della Silver Nova, targata Silversea Cruises, una lussuosa nave ibrida da crociera. La nave sarà alimentata a GNL (Gas Naturale Liquefatto). La novità però è quella che la crociera, potrà utilizzare in alcuni porti la sua alimentazione a batterie. Il progetto della nuova nave è già alle fasi avanzate.

La costruzione della nave è stata messa nelle mani dell’azienda tedesca Meyer Werft. Così, la nuova nave ibrida potrà azionare nei porti la sua alimentazione elettrica, riducendo l’inquinamento. La nave avrà una capacità di trasporto di 728 passeggeri e peserà 54.700 tonnellate.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Pronta a salpare in Norvegia la prima nave cargo a emissioni zero

Come spiega Rinnovabili.it, oltre al minore impatto nei pressi dei porti, la nave potrà utilizzare il sistema ibrido per ridurre quelle in mare aperto. Il sito spiega che la nave potrebbe garantire una riduzione del 40% delle emissioni di gas serra per ogni suite doppia.

“La Silver Nova è l’esempio tipico dell’impegno a lungo termine verso la sostenibilità che Silversea ha in serbo” ha affermato l’amministratore delegato Roberto Martinoli. Una sostenibilità che si affianca al lusso e che potrebbe contribuire anche a spingere altre compagnie a progettare navi di questo tipo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> La rivoluzione green delle navi senza equipaggio

La nave ibrida avrà a disposizione un microsistema di auto gassificazione, un meccanismo che consentirà di ridurre le emissioni di CO2. In alcuni porti la crociera potrà ormeggia con emissioni zero, riducendo l’impatto ambientale. Le cabine potranno essere prenotate già dalla fine dell’anno e all’inizio del nuovo.

Il circuito crociere potrebbe in questi anni seguire la scia dell’elettrificazione, scelta intrapresa già da alcune grandi aziende navali, soprattutto nel settore dei trasporti. In Europa nei ultimi mesi sono stati annunciati nuovi test, così come nel continente asiatico, con in testa la Cina.