Roberto Straccia, a 10 anni dalla morte amici in piazza per la verità

Roberto Straccia, parenti e amici ancora in mobilitazione: il prossimo mese nuova udienza a seguito di un’intercettazione

Il 14 dicembre sarà il decimo anniversario della scomparsa del giovane, ritrovato senza vita dopo quasi un mese. Un caso di cronaca che parenti e amici tengono vivo nel ricordo non solo di una persona amata ma per la battaglia che stanno portando avanti nella ricerca della verità.

Roberto Straccia (foto Facebook)
Roberto Straccia (foto Facebook)

Per l’occasione chi continua a gridare giustizia martedì 14 alle 18.00 si ritroverà sul Ponte del Mare a Pescara per ribadire ancora una volta che c’è tanto da scoprire du quella triste vicenda.

Roberto scomparve dalla città abruzzese il 14 dicembre del 2011 e il corpo fu ritrovato il 7 gennaio 2012, sul lungomare di Bari, integro. Le condizioni fecero sospettare subito perché dopo 24 giorni il cadavere avrebbe dovuto trovarsi in un altro stato.

Pascara, L’Aquila, Bari e Campobasso: sono quattro le procure che hanno indagato ma tra archiviazioni e riaperure del caso, non si è arrivati a una conclusione soddisfacente. Nelle ultime settimane però c’è stata una novità importante.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> “Abusi su minore”: arrestato ex campione olimpico di nuoto

Roberto Straccia, a gennaio nuova udienza: le novità

Da un’intercettazione telefonica è emerso che Roberto il 30 dicembre 2011, una settimana prima del ritrovamento, era ancora vivo. Il file è emerso da una delle varie indagini che era stata archiviata come suicidio.

Roberto Straccia (foto Facebook)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Muore in carcere strangolato, confessa il compagno di cella

La famiglia ha sempre rigettato la tesi della morte volontaria per annegamento e anche gli esami sul corpo hanno fatto pensare il contrario per la bassa quantità di acqua trovata nei polmoni. Tra i misteri del caso, c’è la scomparsa dei tabulati telefonici.