Mattino 5, chi è Francesco Vecchi: ascolti record e notizie

Mattino 5 sta registrando ottimi risultati: premiato Francesco Vecchi che sarà da soloalla conduzione per le prossime settimane

Francesco Vecchi da ieri, lunedì 13 dicembre, è da solo alla guida di Mattino 5 e gli ascolti l’hanno premiato. Il programma di Canale 5 stava andando bene già quando era alla conduzione con Federica Panicucci ma la collega ha dovuto lasciare momentaneamente. È infatti impegnata nell’organizzazione del Concerto di Natale e della festa di Capodanno.

Francesco Vecchi
Francesco Vecchi (screen)

Il canovaccio del programma resta invariato e anche in solitaria Vecchi sta registrando ottimi risultati. Ieri ha battuto i pricipali concorrenti delle reti Rai, facendo più ascolti sia nella prima che nella seconda parte rispetto a Storie Italiane e Uno Mattina.

Un risultato importante che dovrà essere valutato per i prossimi giorni, fino a quando non tornerà anche la collega. Se il boom di ascolti fosse confermato, sarebbe un grande successo per Mediaset che avrebbe indovinato la scelta, senza rischiare di perdere ascolti con l’affiancamento di un’altra persona (con un nuovo costo) che magari non avrebbe avuto appeal sul pubblico.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Katia Ricciarelli annuncia le nozze: chi è il suo fidanzato

Francesco Vecchi: la carriera

Giornalista e conduttore televisivo, Francesco Vecchi lavora con Mediaset dal 2004 e solo dal 2013 è passato alla conduzione per la rete TGcom24. Milanese, classe 1982, dopo la maturità classica al Parini si è laureato in Discipline economiche e sociali presso la Bocconi di Milano.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Roberta Bruzzone, denuncia tremenda: “Vittima di…”

Gli studi sono proseguiti dopo il titolo accademico, a Kiel in Germani e degli Stati Uniti. Presso lo stesso ateneo milanese ha lavorato come ricercatore e assistente nel 2006. Dopo Radio Capital in Mediaset è tornato per occuparsi dei più grandi eventi calcistici: il mondiale sudafricano del 2010, gli Europei organizzati in Ucraina e Polonia due anni dopo e le finali di Champions League per quattro anni consecutivi dal 2010 al 2013.