Fabrizio Piscitelli, arrestato il killer del capo ultrà della Lazio

0
124

Fabrizio Piscitelli, il presunto killer del capo ultà Diabolik della Lazio è stato arrestato, l’uomo è stato ucciso il 7 Agosto 2019 con un colpo di pistola alla testa proprio  nel parco degli Acquedotti nella zona Tuscolana a Roma.

 

Raul Esteban Calderon è stato accusato di omicidio aggravato proprio da metodi mafiosi, Raul Calderon è stato arrestato dagli agenti della Squadra Mobile di Roma, esattamente lo scorso 13 Dicembre 2021.

Fabrizio Piscitelli, arrestato il presunto killer del capo ultrà "Diabolik" (Screenshot)
Fabrizio Piscitelli, arrestato il presunto killer del capo ultrà “Diabolik” (Screenshot)

Il provvedimento è stato subito convalidato dal gip di Roma, il quale ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, il capo ultrà Diabolik era stato ucciso con un colpo di pistola alla testa proprio da un killer in vesti da runner.

L’omicidio è stato perpetrato durante una guerra mafiosa tra clan per lo spaccio di droga sul territorio della Capitale, per poi essere ripreso da una telecamera di sorveglianza privata.

Nelle immagini riprese dalla telecamera si nota l’intera azione effettuata dal killer, infatti l’uomo si è avvicinato al capo ultrà laziale, dopo aver sparato fugge via, le fonti di prova sono state raccolte e costituite dalla Squadra Mobile e dalla Polizia Scientifica nel corso dei sopralluoghi dopo le indagini preliminari.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Fabrizio Piscitelli, chi sono i genitori di Diabolik: la loro denuncia

Fabrizio Piscitelli, il presunto killer del capo ultrà Diabolik è stato arrestato si chiama Raul Esteban Calderon

Il filmato estratto da una telecamera di zona installata privatamente, spiega in maniera dettagliata tutta la dinamica, infatti dal filmato si evince la compatibilità tra il killer mafioso e la vittima indiziata.

Nelle indagini hanno contribuito delle attività di intercettazione le quali hanno consentito di cogliere dei dettagli significativi per individuare l’esecutore materiale dell’omicidio.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Blitz a Roma, 28 arresti per droga e camorra: clan Senese coinvolto

Sembra che a rafforzare il capo d’accusa sia stata la cospirazione mafiosa, dovuta ad una guerra fra clan per il controllo dello spaccio nelle strade, Calderon è stato raggiunto in carcere insieme ad Enrico Bennato, proprio perché è stato individuato nell’omicidio di Shehaj Selavdi, ucciso nella spiaggia di Torvaianica il 20 Settembre del 200.

Il capo ultrà Diabolik è stato freddato da Raul Calderon in vesti di runner con un colpo di pistola alla testa durante il mese di Agosto nel 2019. L’omicidio è stato effettuato nell’ambito di una guerra per il controllo dello spaccio di droga nella Capitale.