Plusvalenze, Guardia di Finanza nella sede dell’Inter: tutte le operazioni nel mirino

Si allarga a macchia d’olio l’inchiesta della Guardia di finanza sulle plusvalenze fittizie, dopo la Juventus finisce nel mirino anche l’Inter. I dettagli

La Procura di Milano ha inviato i finanzieri ad acquisire documenti presso la sede del club neroazzurro

Plusvalenze Inter

Prende sempre più corpo e consistenza l’indagine della Guardia di Finanza sulle cosiddette plusvalenze fittizie. Parliamo del meccanismo, da molti considerato economicamente perverso, attraverso il quale le società di calcio inseriscono nel proprio bilancio valori non corrispondete al reale valore per l’acquisto e cessione di calciatori.

L’indagine ha preso le mosse da una inchiesta della Consob, la Commissione Nazionale per le Società e la Borsa, che ha voluto vedere chiaro nel bilancio della Juventus, società come noto, quotata nel listino di Milano per poi allargarsi ad altri club.

—>>> Leggi anche: Report indaga sulle plusvalenze nel calcio: il caso Rovella-Juventus

Da oggi pomeriggio i riflettori si accendono anche sull’Inter di Steven Zhang. Va specificato che al momento non ci sono indagati ma va detto, per dovere di cronaca, che la squadra Campione d’Italia ed attuale capolista della Serie A, secondo molti addetti ai lavori potrebbe essere ben più esposta rispetto alla società di Andrea Agnelli.

Come detto oggi la Guardia di Finanza ha fatto visita nella sede di Via Liberazione, sede a pochi passi dalla Stazione Centrale per effettuare perquisizioni ed acquisire documenti.

—>>> Ti potrebbe interessare anche: Piero Ausilio, moglie Daniela e figli: la vita privata del dirigente Inter

Plusvalenze false, l’Inter nel mirino

Secondo le indiscrezioni raccolte dalla nostra redazione presso cronisti locali molto attivi nel mondo Inter le operazioni nel mirino della Finanza fanno riferimento al periodo 2017-2021.

Parliamo del periodo di passaggio delle quote azionarie dell’Inter da Erick Thoir, il magnate indonesiano che nel 2013 ha acquisito la Beneamata da Massimo Moratti, e la Suning della famiglia Zhang. Sulla tolda di comando dal 2018.

In particolare la Guardia di Finanza ha messo nel mirino circa dieci operazioni considerate fuori mercato. Eccole nel dettaglio.

  • Stagione 2017-2018 cessione di Caprari alla Sampdoria per 15 milioni di euro, cessione di Eguelfi all’Atalanta per 7 milioni.
  • Stagione 2018-2019 cessione di Bettella all’Atalanta per 7 milioni, cessione di Valietti al Genoa per 6 milioni, cessione di Carraro all’Atalanta per 5 milioni
  • Stagione 2019-2020 cessione di Venheudsen allo Standard Liegi per 12 milioni, di Radu al Genoa per 8 milioni e di Puscas al Reading per 7.5 milioni
  • Stagione 2020-2021 cessione di Pinamonti al Genoa per 20 milioni e di Karamoh al Parma per 8 milioni.