Anna Russano, morta la voce di Napoli: addio alla cantante neomelodica

Lutto nel mondo della musica per la scomparsa di Anna Russano, morta la voce di Napoli: addio alla cantante neomelodica.

Un gravissimo lutto ha colpito il mondo della neomelodia napoletana, un genere musicale che ha molto successo nell’intera Campania e non solo. Si è infatti spenta a 60 anni una delle voci più belle e amate, ovvero quella di Anna Russano. La morte della cantante è stata resa pubblica da Gianni Simioli de La Radiazza.

Questi su Facebook ha ripercorso l’incredibile carriera di questa donna, che è stata voce carnale e verace del genere musicale che ha degnamente e per anni rappresentato. Matrimoni, serate danzanti, feste di piazza: ovunque e da anni era presente lo zampino di Anna Russano, che proprio nelle scorse ore aveva pubblicato su Youtube il video della sua ultima collaborazione.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Pinocchio di Matteo Garrone, ecco quale grande attore doveva interpretare Geppetto

Aveva duettato con Mario Merola ed era una presenza fissa sulle reti locali private della Campania. La cantante aveva portato al successo e fatto conoscere brani come “L’amante ‘e mia sorella”, un classico ormai del neomelodico, che era uscito dai confini territoriali regionalie, ma non solo.

—>>> Ti potrebbe interessare anche È stata la mano di Dio, il film di Sorrentino rappresenterà l’Italia agli Oscar

Morta Anna Russano, chi era la brava cantante neomelodica

Intensa era stata anche la collaborazione con Nino D’Angelo, il quale aveva cantato alcuni suoi brani e nello stesso tempo, lei aveva interpretato “Cafè Cafè”, brano scritto dall’ex caschetto d’oro della musica leggera napoletana, per il film “Aitanic”. Proprio Nino D’Angelo dedica un messaggio alla cantante scomparsa. Simioli ricorda come siano stati migliaia i fan dell’artista, che era invece snobbata dai media mainstream.

“Se la piango e rimpiango è perché l’ho sempre fatta sentire in radio e quindi sostenuta e apprezzata in vita”, sono le parole commosse per l’artista scomparsa da parte di Gianni Simioli, che evidenzia anche come Anna Russano sia stata “voce di Napoli e faccia che comunicava gioia, dolori e piccole felicità della mia gente”. Poi ancora i ricordi di Enzo Primavera e Alberto Grande.

A ricordare la nota cantante neomelodica c’è anche Alberto Selly, cantautore partenopeo autore di brani come O ballo d’ ‘o cavallo e ‘A fresella: “Non sono passate neanche quattro ore dal nostro ultimo messaggio e vengo informato della tua scomparsa”, spiega, dicendosi sotto choc per il decesso dell’amica. “Se ne va un altro pezzo di Napoli”, si legge infine sul profilo Facebook di Radio Nuova San Giorgio.