Renato Scarpa, è morto l’interprete di Robertino da Ricomincio da Tre

Renato Scarpa, lo storico attore di cinema e teatro diventato una delle icone più importanti del cinema negli anni ’80 è scomparso. Interpretò “Robertino” nel capolavoro di Massimo Troisi, Ricomincio da Tre.

 

L’attore aveva 82 anni, secondo alcune dichiarazioni del Messaggero, l’attore è morto a causa di un malore nella casa di Roma, il cinema napoletano era strettamente collegato ai ruoli del “milanese” come nell’opera Così parlò Bellavista di Luciano De Crescenzo.

Renato Scarpa, l'attore che interpretò Robertino è morto all'età di 82 anni (Screenshot)
Renato Scarpa, l’attore che interpretò Robertino è morto all’età di 82 anni (Screenshot)

L’attore lavoro molto con Maurizio Nichetti, mentre con Massimo Troisi riuscì a recitare nell’ultimo film prodotto dall’attore “Il Postino”, dove ha interpretato il ruolo del direttore d’ufficio postale.

Colleziona una piccola comparsa anche nel cinema internazionale tramite il talento di Mr.Ripley, subito dopo ci sono stati diversi ruoli e personaggi ricoperti dall’attore nella storia del cinema italiano e napoletano.

Il professor Verdegast in “Suspiria” con Dario Argento nel 1977, l’ipocondriaco Sergio di “Un Sacco Bello” nel 1980. Il dottor Cazzaniga nei due film di Bellavista, Così parlò Bellavista (1984) e Il mistero di Bellavista (1985).

Mentre nel 1993 parteciperà nel film Stefano Quantestorie diretto da Maurizio Nichetti, nel 2001 lavorerà con Nanni Moretti per la pellicola “La stanza del figlio”, per poi tornare a lavorare con  il regista romano nel 2011 con “Habemus Papam”.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Morto David Gulpilil, l’attore vinse a Cannes con Charlie’s Country

Renato Scarpa, lo storico attore di cinema e teatro è scomparso all’età di 82 anni

Sembra che l’attore abbia avuto un malore nel primo pomeriggio, i suoi famigliari hanno chiamato il 118, sul posto sono giunti anche i Carabinieri, la sua morte è stata attribuita a cause naturali.

La carriera dell’attore è riconducibile a diversi film apprezzati da registi e dal pubblico, infatti ha recitato il severo padre Corazza nel grottesco film Nel nome del padre diretto da Marco Bellocchio nel 1972.

Il padre domenicano Alberto Tragagliolo nel Giordano Bruno diretto da Giuliano Montaldo nel 1973, ha interpretato il prete alle prese con la quotidianità nel titolo Ad Ovest di Paperino diretto da Alessandro Benvenuti nel 1982.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Lutto nel cinema americano: è morto a 28 anni l’attore Joey Morgan

Inoltre  ha interpretato il padre apprensivo de protagonista nel film Stefano Quantestorie nel 1993, ha anche interpretato  il compito del preside  nel film drammatico La Stanza del Figlio nel 2001 diretto da Nanni Moretti.

Nello stesso anno interpreterà anche il bancario con problemi gastroenterologici per la commedia partenopea Ribelli per Caso nel 2001 di Vincenzo Terracciano, il suo  ultimo lavoro è stato con il cardinal decano Gregori nel film Habemus Papam di Nanni Moretti nel 2011.