Palazzo crolla nel Napoletano: le ultime novità

Palazzo crolla nel Napoletano, paura nella serata di ieri quando un boato ha fatto tremare la zona circostante

Paura nella prima e silenziosa domenica sera dell’anno ad Afragola, in provincia di Napoli. Era circa le 21 del 3 gennaio quando improvvisamente il silenzio è stato rotto dal rumore del crollo di un palazzo nel centro storico.

Palazzo crollato ad Afragola (foto Facebook)

È accaduto all’angolo tra via Ciaramella e via Sacri Cuori allo stabile già transennato perché erano in corso dei lavori di ristrutturazione. Immediati gli interventi delle forze dell’ordine i Vigili del fuoco, i volontari della Protezione civile, le ambulanze i carabinieri e la polizia. A quest’ultima sono affidate le indagini con il locale commissariato, diretto dal vicequestore Gianvito Zazo.

La notizia è stata lanciata da Il Mattino che ha scritto che sono l’immobile c’è una cavità. Sono subito partite le operazioni di scavo a mani nude per evitare ulteriori danni ma subito dopo il fatto i residenti hanno detto alle forze dell’ordine che il palazzo è disabitato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Tragedia in montagna sui Sibillini: morto escursionista di 34 anni

Palazzo crolla nel Napoletano: cos’ha detto il sindaco di Afragola

Il timore, sempre secondo i residenti, è che all’interno potesse trovarsi qualche immigrato che di tanto in tanto trova rifugio nello stabile. Dopo ore di scavo per fortuna nessuna persona è stata estratta dalla macerie ed è stato escluso anche che potesse esserci qualche ferito per eventuali passanti.

Le verifiche hanno per fortuna escluso che ciò fosse avvenuto. Secondo una notizia Ansa lanciata nella notte, il sindaco di Afragola Antonio Pannone parlando con le forze dell’ordine ha detto che non ci sarebbero feriti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Manuela Arcuri e la dedica a Pupetta Maresca: è bufera sui social

L’intera strada è stata coperta da detriti e si attende la fine delle operazioni per rendere di nuovo praticabile la strada e cercare di fare pienamente luce sulle cause dell’accaduto con i rilievi tecnici.