Tragedia in montagna sui Sibillini: morto escursionista di 34 anni

Un escursionista di 34 anni è morto dopo essere scivolato in un crepaccio sui monti Sibillini. 

Un escursionista, Jonathan Strappa, è morto dopo essere precipitato da circa 300 metri in un crepaccio mentre percorreva un sentiero sui monti Sibillini. L’incidente è avvenuto oggi, domenica 2 gennaio lungo il sentiero che collega il Rifugio del Farnio fino a Pintura di Bolognola, in provincia di Macerata. L’uomo aveva 34 anni ed il suo corpo è stato recuperato dopo 6 ore di lavoro dei soccorsi.

POTREBBE INTERESSARTI: Manuela Arcuri e la dedica a Pupetta Maresca: è bufera sui social

Tragedia in montagna sui Sibillini: morto escursionista di 34 anni (fonte: gettyimages)
Tragedia in montagna sui Sibillini: morto escursionista di 34 anni (fonte: gettyimages)

I vigili del fuoco e uomini del Soccorso alpino hanno provato a raggiungere l’escursionista in elicottero, ma il vento e la vegetazione hanno giocato a sfavore. I soccorsi sono scesi lungo il dirupo con grande sforzo recuperandolo in un luogo impervio.

Insieme all’uomo c’era anche una fidanzata che ha riportato solo lievi lesioni ed è stata ricoverata all’ospedale di Camerino. Anche lei ha perso aderenza sul ghiaccio ma ha trovato un appiglio su cui aggrapparsi. La 35enne è riuscita a chiamare soccorsi con le sue grida disperate.

Sono stati mobilitati anche i carabinieri di Fiastra, i vigili del fuoco di Camerino e i carabinieri forestali. Questo incidente mortale si aggiunge alla lunga lista di tragedie in quella zona.

Lo scorso 25 settembre un altro escursionista 30enne ha perso la vita sempre sui Monti Sibillini, in particolare stava attraversando le Gole dell’Infernaccio. L’uomo è stato trovato senza vita dai soccorsi intervenuti per recuperare lui e un altro ragazzo che è stato soccorso e trasportato a valle.

POTREBBE INTERESSARTI: Francesco soccorre la sorella dopo l’incidente, lei muore: “Perdonami”

La vittima è deceduto dopo essere precipitato da decine di metri dalla cresta che sale a Pizzo Berro nel cuore del Parco dei Monti Sibillini.  tra le province di Macerata, Ascoli Piceno e Fermo. Il corpo si è fermato alla base della parete in una zona molto impervia.