Giorgia Soleri si scusa per post ritenuti razzisti: cos’è successo

Giorgia Soleri, la fidanzata di Damiano dei Maneskin, è dovuta intervenire perché sono ricomparsi dei screen

Le tracce lasciate sul web possono avere un effetto boomerang e non colpiscono solo i politici, di solito attaccati dagli avversari per mostrare l’incoerenza su certe tematiche.

Giorgia Soleri
Giorgia Soleri (foto Instagram)

Possono far male anche personaggi dello spettacolo e scatenare polemiche a non finire com’è successo alla modella Giorgia Soleri, fidanzata di Damiano, il frontman dei Maneskin. La ragazza, 25enne, nelle ultime ore è intervenuta sui proprio profili social per rispondere al caos che è stato scatenato.

Su Twitter sono comparsi suoi post che risalgono a 7-8 anni fa, praticamente quando era ancora una ragazzina. Il contenuto è stato considerato offensivo per qualcuno e anche all’estero si è discusso su quanto scritto all’epoca dalla ragazza.

Ignoti al momento i motivi di chi e perché dopo tanto tempo sono riemersi i post, ma la modella, oggi certamente più matura, affronta la questione senza nascondersi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Giorgia Soleri, gli haters si scagliano contro la influencer: lascia i social

Giorgia Soleri: “Mi prendo le mie responsabilità”

È stata la diretta interessata a spiegare cos’è successo: “Sono post di social o profili diversi da questo, e sono passati circa 6/7 anni”, ha spiegato, dicendo di non volerli condividere non per nasconerli perché sono comunque reperibili, ma per non innescare la gara a chi fa prima lo screen. “Usavo slur razzisti o facevo appropriazione culturale“, ha scritto.

Screen Giorgia Soleri

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> L’attrice Lorena Cesarini da Suburra a Sanremo 2022: chi è

Ha poi aggiunto di prendersi “le responsabilità di ciò che ho scritto o fatto, non voglio nascondermi“. Definisce l’errore commesso “enorme” e nelle sue parole c’è vero pentimento. “Mi vergogno e voglio scusarmi con coloro che ho ferito per i miei errori da persona giovane, ignorante e privilegiata“, ha concluso.