Gelati confezionati, è allarme glutine | Marchio famoso richiamato dal Ministero: pericolosissimi

Nelle ultime ore, il Ministero della Salute ha richiamato dei gelati confezionati a causa di un errore molto grave, che per qualcuno potrebbe essere pericoloso

Gelati confezionati
Gelati confezionati (Pixabay)

Soprattutto durante i mesi più caldi, il gelato diventa un vero protagonista di pasti e di merende. Amato da grandi e piccini, chiunque ha il proprio gusto preferito, sia dei gelati sciolti che di quelli confezionati: gusti e profumi che riportano all’infanzia e che sanno proprio di vacanza.

Nelle ultime ore, però, il Ministero della Salute ha richiamato un noto gelato confezionato proprio a causa di un errore grossolano e pericoloso negli ingredienti e nella dicitura sulla confezione. Ecco di cosa si tratta.

Gelati richiamati: contengono glutine non dichiarato

Gelati confezionati
Gelati confezionati (Pixabay)

Soprattutto per i bambini, i gelati confezionati sono una vera e propria attrazione. Il cartellone colorato fuori dai bar diventa il luogo di contrattazione con i genitori, per cercare di convincerli ad acquistargliene uno: il più grande e il più buono possibile. La loro composizione li mette di diritto nel gruppo dei dolci, il cui consumo va quindi limitato poiché densamente calorici e ricchi di zuccheri.

Oggi come oggi, poi, ci sono moltissimi gelati sul mercato, che vengono incontro alle tante esigenze dei consumatori. Da quelli senza lattosio ideali per chi ne è allergico o intollerante, ci sono poi quelli adatti ai celiaci perché non contengono glutine: una vera e propria manna dal cielo per chi ha figli con particolari esigenze alimentari.

Nelle ultime ore, però, il Ministero della Salute ha ritirato i “6 Lemon Stecchi” della marca Decò poiché contengono allergeni non dichiarati. Si tratta dei lotti LTE 2186, LTE 2192, LTE 2193, LTE 2200 ed LTE 2201 prodotti dalla Eskigel S.r.l con sede a Via Vanzetti 11, Terni. 05100 e con scadenza prevista al 05/2024. I prodotti ritirati sono venduti in scatole da 480 grammi ( 6 x 80 g) e la causa sta proprio nel glutine. Sebbene la scatola riporti la dicitura “senza glutine”, nella lista degli ingredienti e nel gelato è stata riscontrata la farina di frumento.

Nel caso in cui qualcuno si rendesse conto di aver acquistato questi gelati al limone con il bastoncino di liquirizia ed abbia problemi con il glutine, può recarsi presso il punto vendita con lo scontrino per ricevere un rimborso totale. Per chi non ha sensibilità o allergia al glutine, invece, non c’è alcun problema: si possono consumare tranquillamente.