Non portarti mai il collirio in spiaggia | Danni irreversibili: è pericolosissimo

La sabbia, la crema e il sudore possono irritare gli occhi e per questo molti portano in spiaggia il collirio, pronto all’uso. Non fatelo più: ecco perché

Collirio in spiaggia
Collirio in spiaggia (Youtube)

Molte persone hanno l’abitudine di portare con sé il collirio in spiaggia, perché è un ambiente ricco di potenziali sostanze irritanti per gli occhi. Si pensi semplicemente al vento: quante volte causa rossori e lacrimazioni? Una delle peggiori nemiche della salute oculare è poi la crema solare che, quando si scioglie a causa del sudore, può finire negli occhi causando grossi fastidi.

Sebbene l’intento sia quindi nobile e corretto, in realtà portare in collirio in spiaggia può rivelarsi una scelta scorretta e rischiosa, per sé stessi e per chi ne usufruisce, oltre che uno spreco economico.

Collirio in spiaggia: assolutamente no

Borsa da mare
Borsa da mare (Pexels)

Il collirio, nonostante si possa comprare anche in parafarmacia o in erboristeria, è a tutti gli effetti un farmaco e, in quanto tale, richiede che si rispettino alcune condizioni necessarie. In particolar modo, nessun farmaco andrebbe conservato al di sopra di una temperatura di 25°: portarlo quindi nella sacca del mare è estremamente sconsigliato. Questo vale per il collirio e per qualsiasi altro farmaco, che potrebbero subire danni irreversibili al colore, all’odore, alla consistenza e anche alla composizione.

Per lo stesso motivo, i farmaci non vanno mai lasciati all’interno di una macchina parcheggiata, così come nel bauletto della moto. Anzi, quando li si acquista li si deve portare a casa nel minor tempo possibile, in particolar modo se richiedono condizioni specifiche come la conservazione in frigorifero. Monitorare l’aspetto dei farmaci è quindi molto importante, perché consente di capire se ci sia stata qualche modificazione sostanziale della sua essenza.

Le trasformazioni più subdole e pericolose, quando si lascia un farmaco al caldo, sono quelle non visibili, che possono riguardare il principio attivo o uno degli ingredienti conservanti. Si eviti al massimo, quindi, di esporli al sole e di portarli in luoghi umidi ed estremamente caldi. Se si ha l’estrema necessità di portare con sé dei farmaci, si possono acquistare dei contenitori appositi che tendono a non surriscaldarsi.

Per il collirio, quindi, se si è predisposti a infezioni e irritazioni si può aggirare il problema applicandosi qualche goccia già la mattina, prima di andare in spiaggia. In questo modo si eviterà di dover esporre il farmaco a un caldo, e quindi a uno stress, eccessivo e si preverranno fastidiosi pruriti.