Mediaset, studio infuocato | Scoppia la polemica feroce: “Che senso ha?”

Scontro a fuoco in Mediaset: la feroce reprimenda arriva dalla concorrenza durante la diretta di Dritto e Rovescio.

Paolo Del Debbio nelle ultime ore ha varato l’ennesima puntata del suo talk-show di Rete 4 “Dritto e Rovescio”.

Mediaset ck12.it
Mediaset (fonte youtube)

Il conduttore toscano affronta regolarmente temi di politica, attualità ed economia, ed ospita nel suo parterre una ricca schiera di ospiti.

Negli anni il suo studio targato Mediaset ha testimoniato l’avvicendarsi di molte risse a favore di telecamere, e nelle zuffe sono stati coinvolti anche nomi eccellenti del mondo dello spettacolo. Durante l’ultimo appuntamento con il format Paolo Del Debbio ha introdotto un blocco legato alla recente polemica sull’accoglienza dei migranti, toccando inevitabilmente anche il capitolo dei rapporti diplomatici tra Italia e Francia.

Bruno Vespa prende la parola, caos in prima serata a Mediaset

Il blocco tematico dedicato all’immigrazione ha coinvolto, tra gli altri, il giornalista RAI Bruno Vespa, Giovanni Donzelli di Fratelli d’Italia, il vignettista Vauro Senesi e il direttore de “La Verità” Maurizio Belpietro.

Bruno Vespa a Mediaset ck12.it
Bruno Vespa a Mediaset (fonte twitter)

In controtendenza con le forze di opposizione al neonato Governo, il volto di “Porta a porta” è sbottato: “Le ONG non vanno a salvare i profughi che stanno annegando. Le ONG trasportano migranti. Io non arrivo a dire che si mettano d’accordo con gli scafisti, ma per curiose circostanze celesti, loro sanno quando arriva una barca, la incontrano, fanno trasbordare i migranti, e li portano qui. Ecco, questo può diventare un problema.“.

Bruno Vespa ha proseguito la sua filippica contro la mancata regolamentazione degli sbarchi clandestini: “Così non si fa. È vero che sono il 15% degli altri disgraziati, che non possono permettersi un passaggio a peso d’oro: quelli sono i cittadini che possono permettersi un passaggio di prima classe, quelli delle ONG. Non sono i disgraziati che stanno su barchette che qualche volta affondano!“.

Il giornalista è giunto alla conclusione: “Questo è un problema che va affrontato. Che senso ha battere la bandiera di un Paese, se quel Paese non riconosce quella nave?“.

La perentoria critica alle recenti ingerenze del Governo francese in materia di migranti ha innalzato la temperatura del confronto nello studio di Mediaset… Voi che ne pensate al riguardo?