Vladimir Luxuria, confessione a cuore aperto: “Non mi sentivo degna di farlo”

L’opinionista Vladimir Luxuria accetta l’ingaggio prestigioso, ma nelle ultime ore riceve una doccia fredda.

Spumeggiante, irriverente e sempre in prima linea a difesa del cosmo LGBTQ+, Vladimir Luxuria rappresenta uno dei personaggi pubblici più interessanti dello show-business italiano.

Vladimir Luxuria ck12.it
Vladimir Luxuria (fonte youtube)

Reduce dall’esperienza nel parterre de “L’Isola dei Famosi” a fianco dell’inseparabile Nicola Savino, l’opinionista potrebbe ricevere una gratificante conferma anche per quanto riguarda la prossima edizione del format.

I suoi progetti attuali prevedono al momento la sua partecipazione al noto Festival della Canzone Cristiana, ma la prospettiva di Luxuria sul palco ha ricevuto un’accoglienza traballante.

Vladimir Luxuria, porte in faccia dalla Diocesi

Fabrizio Venturi, direttore artistico del Festival, avrebbe ingaggiato personalmente l’opinionista, chiedendole di intervenire alla manifestazione di stampo religioso.

Vladimir Luxuria ck12.it
Vladimir Luxuria (fonte youtube)

Secondo quanto riportato da “Adnkronos”, però, le fila del clero sarebbero state percorse da fremiti contrastanti. In particolare, quelle dei religiosi appartenenti alla Diocesi di Ventimiglia-Sanremo che, in seguito all’annuncio, avrebbero dichiarato le proprie distanze dal Festival stesso.

La manifestazione vedrà la luce nella sua seconda edizione, in concomitanza con il Festival della Canzone di Sanremo, il 9, 10 e 11 febbraio del 2023. La partecipazione di Vladimir Luxuria sembra confermata, nonostante il malumore di alcuni esponenti del clero. Fabrizio Venturi avrebbe del resto lanciato la proposta all’opinionista dopo aver ascoltato le sue parole a “BellaMa”, in onda su RAI 2.

Di fronte a Pierluigi Diaco, infatti, Vladimir Luxuria aveva confessato il suo difficile rapporto con la fede, in contrapposizione con le sue ideologie gender. “Sono tornata a essere cattolica, perché Dio accoglie tutti“, aveva dichiarato. “Non mi sentivo degna di esserlo per la mia identità sessuale, poi Don Gallo mi ha convinta che non dovevo mettere in discussione la mia fede in Dio. Ho ripreso ad andare a messa e a fare la comunione. Pensavo che non sarei stata accettata e, invece, mi hanno accolta a braccia aperte“.

I difficili trascorsi di Vladimir Luxuria

Il ritorno all’ovile ecclesiastico di Vladimir Luxuria è stato costellato da vicissitudini personali molto dure e controverse. Riporta “Fanpage”: “Nella mia vita ho avuto un momento di sbandamento generale e ho fatto uso di sostanze per un breve periodo. Ho provato anche la cocaina, certo. Non mi ricordo più l’effetto, solo una sensazione sgradevole. Ho fatto anche la prostituta, ed è una cosa di cui mi pento, una cosa contraria al senso di dignità del mio corpo e della mia persona. L’ho fatto per pochi mesi. In quel periodo bruttissimo della mia vita ho pensato al suicidio, non vedevo un futuro, mi hanno ripresa per i capelli.“.