Gianluca Vialli, la decisione della famiglia spiazza i tifosi

Se n’è andato per sempre Gianluca Vialli, ex calciatore e allenatore. Un tumore al pancreas l’ha portato via a 58 anni. I funerali privati si terranno a Londra.

Muore un mito del calcio italiano, ucciso da un tumore al pancreas alla giovane età di 58 anni. L’ex calciatore aveva giocato cone centravanti in diverse squadre di punta del mondo calcistico, tra queste anche Chelsea, Juventus e Sampdoria.

Vialli, decisione inattesa
Gianluca Vialli -Foto: Ansa

Per onorare la sua memoria, la Figc ha deciso che, durante le partite di questo fine settimana, su tutti i campi da calcio d’Italia verrà osservato un minuto di silenzio. Intanto la famiglia Vialli ha deciso di celebrare il suo funerale a Londra, in forma privata, probabilmente il prossimo Lunedì mattina.

La famiglia di Gianluca Vialli si è sempre tenuta lontana dall’occhio pubblico, tuttavia è probabile che venga celebrato anche un funerale pubblico; se dovesse succedere, accdrà probabilmente a Cremona, nei prossimi mesi a venire. Lascia nel dolore la moglie Catheryn, le figlie ed i genitori, ormai anziani.

La conferma del funerale è giunta tramite due storici amici di Vialli, Attilio Lombardo e Marco Lanna, che hanno parlato del triste evento ad una tv locale genovese. Il funerale è confermato nella città di Londra, dove l’ex bomber viveva da tempo insieme alla moglie e alle figlie.

Il cordoglio degli amici

Per l’occasione, il presidente della Sampdoria Marco Lanna ha anche ricordato l’amico, ex compagno di squadra con il quale ha instaurato un amicizia durata anni: “È mancato un fratello“, ha raccontato alla tv.

Vialli, decisione inattesa
Gianluca Vialli, decisione clamorosa della famiglia – Foto: Ansa

“Gli ho chiesto un consiglio quando mi hanno proposto la presidenza della Samp, in quest’ultimo anno mi ha sempre dato un aiuto importante quando ho avuto bisogno: ci siamo sempre confrontati sul mondo blucerchiato e spesso mi chiamava per avere informazioni su come stava andando”.

Lanna ha anche proposto un’idea per ricordare l’amico con il suo sport preferito, il calcio: “Sarebbe bellissimo realizzare un appuntamento con Chelsea, Cremonese, Juve e Sampdoria per un trofeo in sua memoria devolvendo il ricavato in beneficienza. È un’idea che mi piacerebbe tantissimo trasformare in realtà insieme ad altre iniziative”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Juventus (@juventus)

Questo è un momento duro per tanti. Anche Roberto Mancini accusa oggi il duro colpo di aver perso un collega, ma soprattutto un amico. Proprio lui gli aveva affidato il ruolo di capo delegazione della nazionale italiana. Su ‘Il Corriere della Sera’ il giornalista sportivo Ivan Zazzaroni ha scritto: “Oggi Roberto Mancini sta versando tantissime lacrime. […] Un pezzo importantissimo della sua vita se ne va”.

Anche Fedez ha commentato l’accaduto, pochi minuti dopo la tragica notizia, con un video pubblicato sul suo profilo Instagram: “Ho appreso ora della morte di Gianluca Vialli e faccio questo video per ricordarlo, perché pur non avendolo mai conosciuto di persona, mi ha dato una mano straordinaria“.

“Non mi era mai capitato nella mia vita di piangere al telefono con una persona che non conoscevo ma che conosceva il mio stesso dolore: mi ha dato una mano incredibile. Mi spiace, avremmo dovuto vederci e fare una foto con la nostra cicatrice. Sono costernato di non essere riuscito a conoscerti più a fondo, perché pur avendo avuto una conoscenza telefonica, mi hai dato tanto ed è giusto che le persone lo sappiano“.

Articolo di Federica Pollara