Totò Savio: chi erano gli Squallor, band da lui fondata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:40
0
482

Chi erano gli Squallor, band fondata dal compositore italiano Totò Savio e altri tra cui Giancarlo Bigazzi: carriera e successi del gruppo demenziale.

Tra i più noti compositori a cavallo degli anni Ottanta e Novanta, Totò Savio – a cui oggi Techetecheté dedica una puntata – è stato anche uno dei fondatori degli Squallor. Del gruppo faceva parte anche il noto paroliere Giancarlo Bigazzi, che anzi ne fu anima. Si unirono poi in veste di collaboratori Gianni Boncompagni e Gigi Sabani che ha collaborato per l’ultimo album Cambiamento. Sua la voce che imita quella di Vasco Rossi in Albachiava e di Julio Iglesias in Preservame Atù, in quel disco del 1994 che provocò non poche polemiche.

Leggi anche –> Totò Savio: il brano più amato lo canta Massimo Ranieri -VIDEO

Carriera e successi degli Squallor di Totò Savio

(screenshot video)

A quel disco non partecipò con la propria voce proprio Totò Savio, che era stato operato alle corde vocali. Negli anni, gli Squallor hanno raccolto un notevole riscontro di pubblico e si possono considerare i precursori del genere demenziale, che vide poi in Skiantos, Elio e le Storie Tese, Federico Salvatore e Gem Boy i più degni eredi. I loro testi diretti venivano però sistematicamente censurati. Al grande successo commerciale arrivano solo nel 1985, anno in cui con l’album Tocca l’albicocca e col singolo USA for Italy, parodia di USA for Africa e di We Are the World, rinunciano al turpiloquio e iniziano a passare finalmente in radio che non fossero quelle private.

Uno dei personaggi ricorrenti nei loro brani è Pierpaolo, diventato praticamente seriale e utilizzato da uno dei componenti della band, Alfredo Cerruti, anche affermato autore televisivo nella storica trasmissione Indietro tutta! Come detto l’ultimo album in studio è Cambiamento, dove appare il brano Albachiava, che ironizza sul personaggio di Vasco Rossi, il “cantante coi capelli grassi” nei primi anni Novanta era già il re degli stadi italiani. Tra i singoli più amati della loro produzione ci sono Chi cazz’ m’o fa fa’, il più amato in assoluto secondo un sondaggio, il già citato USA for Italy, ‘O ricuttaro ‘nnammurato, Arrapaho, che ispirò l’omonimo film, e Cornutone.

Leggi anche –> Caterina Caselli e il suo nuovo look: il racconto della malattia