Giada Giovanelli col viso insanguinato: sui social denuncia il padre

0
130

Giada Giovanelli si mostra sanguinante in una storia Instagram: “Ecco mio padre”. Shock tra i fan dell’ex protagonista di Temptation Island 2018.

(Screenshot video)

Giada Giovanelli, una delle protagoniste dell’edizione 2018 di Temptation Island, nelle scorse ore si è mostrata sui social col naso sanguinante, accusando il padre. La denuncia social della ragazza ha lasciato senza parole i circa 470mila follower Instagram che, seppur scioccati, le hanno mostrato tutta la loro solidarietà invitandola a denunciare il tutto.

Giada Giovanelli col volto sanguinante: “Ecco mio padre”

Una storia sconvolgente quella che l’ex volto di Temptation Island, Giada Giovanelli, 30 anni e da 11 anni legata sentimentalmente a Francesco Bianco – con cui ha partecipato al programma di canale 5 – ha deciso di raccontare via social. Nelle scorse ore, infatti, la ragazza ha pubblicato una storia Instagram in cui si mostrava col naso sanguinante. L’immagine era accompagnata da una didascalia che lasciava pochi dubbi all’immaginazione: “Ecco mio padre“.

Subito dopo la ragazza ha specificato in una serie di storie in successione: “Prima che vengo fraintesa, è la prima volta che accade ma a volte le parole fanno più male. Non mi ha mai fatto mancare niente ma questo non giustifica certe cose. E come ho detto prima, mi sono rotta il c….”. La ragazza ha poi specificato: “Ora sono al pronto soccorso, sto bene ma sono molto incazzata”.

(Screenshot Instagram)

I suoi fan, circa 470 mila su Instagram, sconvolti le hanno mostrato tutta la loro solidarietà. “Denuncia tutto, se hai sopportato abbastanza, non permettergli di farti male” le scrive un’utente, mentre altri, in segno di sostegno, hanno raccontato la propria testimonianza: “Anche io ho subito aggressioni da parte di mio padre. Denuncialo” e ancora: “Se come hai detto hai sopportato abbastanza, denuncia tutto. Siamo con te, trova il coraggio di farlo”.

Leggi anche -> Chadia Rodriguez: “Bella così” è un inno contro il cyberbullismo e il body shaming

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here