Baby sitter italiana uccisa in Svizzera: tragedia nel cantone tedesco

0
59

Baby sitter italiana uccisa di botte in Svizzera mentre era a lavoro, nella casa dove badava a una bambina. Presente anche la mamma della piccola

Baby sitter italiana uccisa
Teresa Scavelli (foto web)

Una baby sitter italiana è stata uccisa di botte in Svizzera. La donna, calabrese di nascita ma veronese di adozione, si chiamava Teresa Scavelli ed aveva quarantasei anni.

Veniva da Oppena, in provincia di Verona, ma per lavoro si era trasferita da quattro anni nel paese elvetico, nel Contone di San Gallo.

Per come si sono svolti i fatti, la storia ha quasi dell’incredibile. La donna era in casa con la piccola che accudiva e la mamma di lei. Improvvisamente un ragazzo di ventidue anni con problemi psichici è entrato in casa e ha pestato a morte la baby sitter, colpendola con una oggetto di metallo. Secondo una prima ricostruzione dei fatti riportata da l’Arena di Verona, aveva cercato di difendere la bambina.

La donna e l’aggressore non avrebbero mai avuto alcun tipo di rapporto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> San Giovanni in Fiore: auto precipita da 20 metri, muore giovane di 28 anni

Baby sitter italiana uccisa, la polizia ha sparato all’aggressore

 

Teresa come tante donne aveva  deciso di lasciare la famiglia e allontanarsi per lavoro. Sposata e madre di tre figli, si era trasferita nel cantone tedesco della Svizzera per accudire una bambina.

Quando l’uomo è riuscito a entrare in casa e ha cominciato a picchiare violentemente la donna, i vicini hanno chiamato la polizia. Quando gli agenti sono entrati nell’appartamento hanno intimato l’uomo di fermarsi. Ogni tentativo però è stato purtroppo vano e i poliziotti sono stati costretti a sparare. L’uomo, un cittadino svizzero, è morto sul colpo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Marina Berlusconi positiva al coronavirus: le condizioni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here