Torre Piloti Genova, condanne sentenza primo grado: 3 anni all’ex comandante

0
35

Torre Piloti, il tribunale di Genova ha emesso la sentenza di primo grado. Sette sono le condanne, cinque le assoluzioni sul crollo del 2013

Torre Piloti Genova
Torre Piloti Genova (foto Facebook)

Crollo Torre Piloti, il tribunale di Genova ha emesso oggi la sentenza di primo grado per i fatti avvenuti il 7 maggio 2013 dove morirono nove persone. Sette sono le condanne e cinque le assoluzioni.

La struttura crollò dopo l’urto del cargo Jolly Nero della compagnia Messina, ma secondo il giudice Paolo Lepri non fu solo questo il motivo della tragedia, anzi: la struttura era pericolosa e non doveva essere posta là. Felicio Angrisano, ex comandante della capitaneria di porto, è stato condannato a tre anni senza condizionale.

Condannato anche l’ingegnere Paolo Grimaldi e lo strutturista Angelo Spiaggiari, l’ex commissario del Comitato autonomo portuale Fabio Capocaccia, poi Ugo Tomasicchio che presiedeva la sezione del Consiglio del lavori pubblici e infine lo strutturista Mario Como e Giovanni Lettich.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Tragedia Caivano, oggi i funerali: polemica comunità Lgbt con parroco

Torre piloti: riconosciuta la pericolosità della struttura

Sono invece stati assolti dalla accuse Edoardo Praino, ex funzionario del Cap, Paolo Tallone, ufficiale delle Capitanerie di Porto, Sergio Moroni della Corporazione Piloti, Gregorio Gavarone e Roberto Matzedda della rimorchiatori uniti.

In questo processo è stata riconosciuta la pericolosità del posizionamento delle torri e che un minimo errore di manovra o per avverse condizioni meteorologiche avrebbero potuto provocare il crollo come purtroppo successe.

Per quanto riguarda invece il primo filone dell’inchiesta, in Appello il comandante della nave Roberto Paoloni fu condannato a 9 anni e 11 mesi. Per il prossimo novembre è attesa la sentenza della Cassazione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Como, Don Roberto Malgesini accoltellato a morte: l’omicida si costituisce

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here