Colpo alla pirateria, oscurati 58 siti streaming in Italia

0
195

Duro colpo alla pirateria, ieri operazione della Guardia di Finanza che ha oscurato 58 siti streaming su disposizione del gip di Gorizia

pirateria
Guardia di Finanza (foto pagina Facebook)

Su disposizione del Gip di Gorizia sono stati oscurati 58 siti streaming e 18 canali Telelgram. L’operazione è un colpo grosso perché ha colpito una fetta enorme del traffico pirata proveniente soprattutto dall’Italia.

Serie Tv, film ed eventi sportivi: i milioni di utenti che illegalmente guardano questo genere di produzione da ieri non sono riusciti a trovare i siti dai quali abitualmente seguivano ciò che più soddisfacesse a propri gusti, trovando un blocco. In questa indagine sono stati scovati i centri di diffusione delle più seguite produzioni.

Sarebbero circa 250 i domini bloccati di secondo e terzo livello. Il calcoli di “clienti serviti” è di circa 80 milioni di utenti unici all’anno ossia circa il 90% della pirateria italiana. Operazione questa che con l’inizio dei campionati di calcio e dell’autunno, la stagione dove cominciano la maggior parte delle serie televisiva, è una brusca frenata al mercato illegale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Zanardi, aggiornamento sulle condizioni: la nota dei medici

Colpo alla pirateria, denunciate quattro persone

Grossa operazione antipirateria del nucleo specializzato della Guardia di Finanza di Gorizia. Dei 58 siti oscurati e 18 canali Telegram non sono stati fortini i nomi, neanche dei domini a loro collegati.

Ma ne sono a conoscenza sicuramente chi conosce questi indirizzi web usufruisce dei servizi prodotti illegalmente in barba a ogni legge dei diritti d’autore.

Sono stati identificati circa un migliaio di “abbonamenti” pirati, alcuni anche all’estero. Queste persone rischiano fino a tre anni di reclusione e una multa che può arrivare anche a25mila euro. Denunciate quattro persone in tutta Italia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Spoleto, rubate le reliquie di Papa Wojtyla: l’appello di Boccardo – VIDEO

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here