Coronavirus, Crisanti: “Lockdown a Natale è nell’ordine delle cose”

0
69

Coronavirus, Il virologo dell’Università di Padova Andrea Crisanti non esclude le chiusure tra due mesi: “Dobbia fermare il virus”

Coronavirus Crisanti
Andrea Crisanti (screen RaiNews24)

I casi da coronavirus aumentano sempre più, i contact tracing riescono a fare sempre meno tamponi entrando in un circolo vizioso che fa aumentare la trasmissione del virus. Sono queste in sintesi le parole del virologo Andrea Crisanti dell’Università di Padova intervenuto a Studio24 di Rai News e che non esclude che a Natale ci possa essere un nuovo lockdown.

Nel periodo delle festività il medico e docente crede sia “nell’ordine delle cose” un periodo come quello vissuto tra marzo e maggio. Parlando dei nuovi provvedimenti dice che hanno lo scopo di far calare i contatti non protetti tra le persone e solo tra circa quindici giorni sapremo a quali risultati hanno portato.

POTREBBE INTETRESSARTI ANCHE >>> Bra, Tavor nel cappuccino della collega per un anno: voleva il suo posto

Coronavirus, Crisanti: “Dovremmo resettare il sistema”

Misure comportamentali quelle messe in atto dalle nuove disposizioni utili certamente ma ancor di più sarebbe bloccare il virus ed è questo che che serve secondo il professore. L’augurio è che tra  due settimane “non vorrei trovarmi a discutere di 10mila casi al giorni“.

Una nuova chiusura servirebbe per resettare il sistema: così il virus abbasserebbe la sua forza di trasmissione e s potrebbero aumentare i contact tracing.

Secondo il bollettino diffuso ieri, i nuovo contagi in ventiquattr’ore sono stati 635 su 7720 tamponi effettuati. I morti registrati sono 6 ma c’è la precisazione che questi decessi sono avvenuti negli ultimi tre giorni.

I guariti, sempre considerando le ultime ventiquattr’ore, sono 77 sui complessivi 7564 dall’inizio della pandemia. Da qualche giorno la Lombardia ha scavalcato la Campania nella triste classifica delle regioni con più contagiati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Alda D’Eusanio, il drammatico incidente: cosa è accaduto

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here