Chadia Rodriguez, chi è: dal calcio femminile alla trap

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:56
0
248

Chi è Chadia Rodriguez, la giovane trapper torinese che spopola tra i più giovani. Ecco tutte le curiosità su di lei. 

(Screenshot video)

E’ uno dei nomi più in voga della scena hip hop femminile italiana: giovanissima, bellissima e bravissima, Chadia ha saputo conquistare tutti i maggiori producer ed è diventata una vera e propria icona per i più giovani, raccontando spesso i disagi che vive la sua generazione, come nei brani Pastiglie Bella così.

Leggi anche -> Chadia Rodriguez: “Bella così” è un inno contro il cyberbullismo e il body shaming

Chi è Chadia Rodriguez: età, carriera e curiosità

Chadia Rodriguez, classe 1998, è una giovane rapper spagnola naturalizzata italiana. Nasce ad Almeria, in Andalusia, da madre spagnola e da padre marocchino e giovanissima si trasferisce a Torino. Non tutti sanno che Claudia – questo il suo nome di battesimo – prima di lanciarsi nella carriera musicale ha sperimentato varie passioni, tra cui quella del calcio. Per ben 7 anni, infatti, ha fatto parte della squadra giovanile della Juventus Women. In seguito ad un grave infortunio, Chadia è costretta ad abbandonare la sua prima passione e si butta, così, nel mondo della musica.

Inizia a scrivere i suoi primi pezzi e in pochissimo tempo viene notata dai più importanti produttori italiani. Il primo è Big Fish che nel 2018 decide di metterla sotto contratto con la propria etichetta, la Doner Music, fondata insieme a Jake La Furia. A soli 20 anni firma un importante contratto con la Sony Music, conquistando sempre più la scena rap italiana con brani iconici come Fumo bianco e Bitch 2.0.

Chadia detiene anche un record molto importante: è la prima donna italiana a comparire sulla copertina di una playlist rap su Spotify e i suoi brani scalano velocemente tutte le classifiche musicali. Oggi è sicuramente considerata la pioniera della scena rap femminile italiana e non ha nulla da invidiare alle colleghe d’oltreoceano Cardi B e Nicki Minaj a cui dice, peraltro, di ispirarsi.