Amedeo Goria, la figlia Guenda e le terribili accuse di Michela Morellato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:45
0
563

Ospite di Pomeriggio 5 c’è il noto giornalista Amedeo Goria: il rapporto con la figlia Guenda e le terribili accuse di Michela Morellato.

(screenshot video)

“È un papà eccezionale, ha recuperato quel tempo che non abbiamo vissuto”, così in un’intervista di qualche tempo fa a La Vita in Diretta, Guenda Goria – attualmente al Grande Fratello Vip insieme alla mamma Maria Teresa Ruta – ha parlato del suo papà, il noto giornalista Amedeo Goria. Lui aveva spiegato: “Cerco di recuperare il tempo perduto. Posso litigare con tutti, ma non con i miei figli. Se tornassi indietro, starei più vicino a loro. Mi sono mancati”.

Leggi anche: Guenda Goria fidanzata? Il mistero dell’imprenditore sposato

Il rapporto di Amedeo Goria con la figlia Guenda e le accuse di molestie

Nel corso della stessa intervista, spazio anche a una riflessione sui 12 anni di matrimonio con Maria Teresa Ruta e sull’infedeltà: “Ho avuto qualche scappatella e lei mi ha sorpreso, quindi per il 75% la fine del matrimonio è colpa mia. Lei non passava forse a niente, e forse aveva anche ragione”. Ma oltre a quello che è stato il rapporto con la sua ex, c’è una macchia nel passato del noto giornalista, fatti risalenti a ormai 15 anni fa. Parliamo delle accuse di molestie sessuali che gli sono state rivolte.

Lui ha sottolineato: “È stato un incubo, ma è una vicenda archiviata. Le accuse erano infondate ma ci fu una strumentalizzazione televisiva”. Chi invece quelle accuse gliele ha rivolte, una ragazza di nome Michela Morellato, nel 2017 in un’intervista al Corriere Veneto, è tornata a parlare di quegli episodi: “Aveva 34 anni più di me e non mi piaceva. Quando mi ritrovai sul corpo quelle mani, dissi no, mi rispose che di ragazze come me, carine e simpatiche, ce n’erano tante e che se lo avessi rifiutato non mi avrebbe preso sotto la sua ala, per aiutarmi a entrare nel mondo dello spettacolo”. In ogni caso, quelle accuse vennero archiviate dal Tribunale di Vicenza: “Il fatto non sussiste”, la formula utilizzata dai giudici.