Gigi Proietti, lutto a Roma e funerali in diretta: il dolore di Veronica Pivetti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:25
0
236

L’addio al grande Gigi Proietti, lutto a Roma e funerali in diretta: il dolore di Veronica Pivetti per l’amico e artista scomparso a 80 anni.

(Ernesto Ruscio/Getty Images)

Il mondo dello spettacolo rende omaggio anche in queste ore a Gigi Proietti, scomparso nella notte tra l’1 e il 2 novembre, proprio quando avrebbe dovuto compiere 80 anni. Un omaggio incessante, che diventa anche un momento di dolore condiviso e collettivo. Per tale ragione, domani 5 novembre, giorno dei funerali del grande protagonista della commedia italiana, a Roma sarà lutto cittadino, proclamato dalla sindaca della Capitale, Virginia Raggi.

Leggi anche: Gigi Proietti, ecco come Pomata saluta Mandrake: il sonetto di Montesano

Lutto per Gigi Proietti: l’omaggio di Roma e i funerali

Non solo: nonostante il Coronavirus, la sindaca capitolina ha scelto insieme alla famiglia dell’artista di rendere un omaggio pubblico al grande attore. Per tale ragioni, i funerali saranno dunque celebrati in forma pubblica. Anche per permettere a tutti di salutare il grande attore, la Rai li trasmetterà in diretta. Domani mattina sul primo canale nazionale, andrà in onda una puntata speciale di “Unomattina”, a partire dalle ore 10 in diretta,  in collaborazione tra Rai1 e Tg1. Verranno trasmesse le esequie di Gigi Proietti, a cui parteciperanno amici e parenti.

Sulla scelta di un funerale pubblico, sembrano tutti d’accordo. Profondamente commossa dalla morte di Gigi Proietti, con cui ha recitato nella serie Il Maresciallo Rocca, l’attrice Veronica Pivetti ha spiegato all’agenzia Agi: “Detesto questo virus e l’avrei detestato ancora di più se avesse impedito il giusto omaggio ufficiale a un artista che culturalmente ha dato tantissimo alla sua città. Ci metteremo tutti in fila distanziati, forse sarà una fila che attraverserà tutta Roma, ma saluteremo Gigi come merita”.

Leggi anche: Monica Vitti compie 89 anni, grande legame con Gigi Proietti nell’indimenticabile “La Tosca” e “Gli ordini sono ordini”