Stracult, la Rai dice addio dopo 20 anni: la rabbia dell’ideatore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:26
0
123

Stracult, il 23 novembre ultima puntata della trasmissione. Marco Giusti: “Non conosco i motivi della decisione”

Stracult
Foto pagina Facebook

Stracult è il classico programma di nicchia della Rai in seconda serata che tiene alta la qualità dell’azienda e nonostante l’orario appassiona tanti telespettatori. Anzi, era un programma del genere. Infatti che bisogna parlare al passato perché dopo vent’anni Stracult va verso la chiusura.

In difesa del cinema italiano che spacca” è lo slogan della trasmissione che difende il cinema raccontandolo in un modo originale fatto di risate e approfondimenti, interviste con aneddoti, musica, allegria e novità nelle sale.

Marco Giusti è l’ideatore del programma e proprio non ci sta. Non vuole che la Rai chiuda la sua creatura senza alcuna spiegazione. Dice questo a Repubblica e l’ultima puntata sarà tra una settimana, il 23 novembre. Gli appassionati di cinema dovranno quindi salutare chi per vent’anni li ha tenuti informati sul film di oggi e di ieri con tanto buonumore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Sergio Friscia: “Sono un pericolo pubblico, fui anche espulso”

Stracult, ignoti o motivi della chiusura

Il programma potrebbe anche andare avanti senza Giusti, dice al quotidiano il diretto interessato. Il motivo non sarebbero gli ascolti. Forse l’età pensionabile di Giusti, forse le ristrettezze legate alla pandemia. Tanti forse che aspettano un risposta perché pare che al momento non ci sia.

Il padre della trasmissione evidenza un paradosso: Raimovie produce tanto ma la stessa azienda pare non voler dare seguito a un buon programma che parla di cinema, anzi, dove si difende il cinema italiano che spacca. Di solito le scelte aziendali vengono dettate da esigenze economiche e quel che fa più male a chi ha fatto e seguito Starcult è proprio che le esigenze non sono note.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Gf Vip, Pierpaolo Pretelli cerca di scappare dalla casa: “Non ce la faccio più”