Bosnia-Italia 0-2, dopo Belotti raddoppia Berardi: Tabellino e Highlights

0
565

Gli azzurri conquistano il primo posto nel girone e le final four di Nations League

Bosnia-Italia Tabellino e Highlights

Bosnia-Italia 0-2, Cronaca, Tabellino ed Highlights

Bosnia-Italia Tabellino e Highlights – A Sarajevo l’Italia deve conquistare il primo posto nel girone di Nations League, se vuole accedere alle final four. In palio c’è il ranking mondiale e un miglior piazzamento in vista dei prossimi appuntamenti internazionali, dato che agli azzurri vincere un trofeo manca dal Mondiale del 2006. In panchina ancora una volta Chicco Evani, al posto del c.t. Roberto Mancini, mentre in campo l’unica variazione in campo rispetto alla partita contro la Polonia è la maglia da titolare di Domenico Berardi al posto di Federico Bernardeschi. Alla Nazionale si oppone una Bosnia decimata dal Covid-19, compresa l’assenza del capitano Edin Dzeko. Fascia di capitano a un’altra conoscenza del calcio italiano, Miralem Pjanic.

Vantaggio azzurro

Partita che comincia con entrambe le squadre che non sembrano voler forzare i ritmi. La prima opportunità è per Belotti al 7′, ma l’attaccante non trova la porta. Dopo un quarto d’ora abbastanza blando, ma con gli azzurri che non rischiano nulla, è una riconquista del pallone di Locatelli ad accendere la gara. Il passaggio a Insigne permette all’attaccante napoletano di raggiungere il fondo e crossare sul secondo palo favorendo la deviazione sporca, ma vincente dell’attaccante del Torino. Piric battuto e Italia in vantaggio al 22′. La Nazionale inizia così a fare gioco, forte dell’1-0, con un’altra conclusione di Belotti in area, ma il portiere avversario si fa trovare pronto respingendo lateralmente il pallone e concedendo il calcio d’angolo. Anche per merito della continua pressione degli azzurri, Donnarumma rimane pressoché inoperoso per tutto il primo tempo, mentre Insigne con un’altra grande giocata salta facilmente Corluka ma con un tiro dal limite a giro sul secondo palo manda il pallone a scheggiare il palo esterno. Il napoletano decisamente il migliore della prima fase di gioco.


La ripresa

Nel secondo tempo ritmi ulteriormente abbassati, con gli azzurri che provano a raddoppiare, ma senza trovare l’occasione migliore. L’episodio migliore si presenta però al 68′, quando una Bosnia abbastanza distratta in fase di impostazione, subisce una nuova ripartenza dell’Italia, made in Sassuolo. Locatelli a difesa schierata trova con un ottimo pallone in mezzo Berardi che è rapidamente sfilato dietro le maglie avversarie da una posizione regolarissima. Piric non può fare nulla contro il mancino al volo dell’attaccante e gli azzurri raddoppiano. Bajevic è così costretto a fare qualche cambio, sfruttando i cinque che ha a disposizione nell’arco di dieci minuti, ma a un maggior possesso palla dei padroni di casa non segue altrettanta pericolosità offensiva. Più vicina l’Italia al terzo gol, con il subentrato Bernardeschi che da perfetto incursore dopo una triangolazione prende la traversa all’88’. L’ultimo squillo di una partita importante contro un avversario questa sera modesto, ma vinta con grande merito. Un successo che riconferma l’ottimo stato di salute della Nazionale, nonostante le tantissime assenze e consolida i due anni senza sconfitte di una squadra in grande crescita e che lascia ben sperare per le competizioni future.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Hamilton nella storia: eguaglia Schumacher con il settimo titolo mondiale

Bosnia-Italia 0-2: Tabellino ed Highlights

Reti: 22′ Belotti, 68′ Berardi

Bosnia (4-2-3-1): Piric, Kadusic (Todorovic 79′), Sanicanin, Hadzikadunic, Corluka, Gojak, Pjanic (Danilovic 77′), Cimirot, Krunic (Loncar 72′), Tatar (Rahmanovic 80′), Prevljak (Hadzic 79′).
Allenatore: Dusan Bajevic

Italia (4-3-3): Donnarumma, Emerson, Bastoni, Acerbi, Florenzi (Di Lorenzo 46′), Locatelli, Jorginho, Barella, Insigne (Calabria 94′), Berardi (Bernardeschi 82′), Belotti (Lasagna 82′).
Allenatore: Roberto Mancini (In panchina Alberico Evani)

Arbitro: Artur Soares Dias
Ammoniti: Kadusic, Berardi
Espulsi:

Highlights qui