Anna Valle, Ulisse Lendaro: il marito cineasta conosciuto sul set

0
1731

La vita privata di Anna Valle, chi è Ulisse Lendaro: il marito cineasta conosciuto sul set, cosa sapere su di lui.

(screenshot video)

Protagonista di una nuova fiction su Raiuno, l’attrice Anna Valle è stata Miss Italia a metà anni Novanta ed è sicuramente un personaggio televisivo molto amato. L’ex modella e attrice italiana è felicemente sposata con Ulisse Lendaro, vicentino classe 1973, con cui condivide anche la passione per il cinema. Basti pensare, che si sono conosciuti nel 2007 sul set del film Misstake, pellicola prodotta dal futuro marito dell’attrice. Questi ha anche una piccola parte nel film, quella di Manolo, una guardia del corpo.

Leggi anche –> Anna Tatangelo, chi è il fratello Giuseppe: somiglianza incredibile

Cosa fa nella vita Ulisse Lendaro, marito di Anna Valle

Attore, regista e produttore per passione, la vera professione di Ulisse Lendaro è quella di avvocato, attività che svolge nella sua città natale, ovvero Vicenza. Qui vive con la sua famiglia, ovvero la moglie Anna Valle e i figli Ginevra e Leonardo. I due bambini sono nati rispettivamente nel 2008 e nel 2013. La coppia ha scelto di vivere con riservatezza la propria storia, anche e soprattutto per tutelare i propri figli: si pensi ad esempio che i due bambini non sono mai stati immortalati, al contrario di quanto avviene spesso nel mondo dello spettacolo.

Una scelta di certo controcorrente ma che contribuisce a fare della coppia dello spettacolo una famiglia normale. Per quanto riguarda Ulisse Lendaro, sappiamo che ha prodotto diversi film per il cinema e la televisione, tra cui i film Still Life, Medley e L’età imperfetta. Quest’ultima pellicola vede protagonista la moglie Anna Valle nei panni di un’insegnante di danza. L’attrice in un’intervista lo ha definito come un marito romantico, ma anche un padre molto presente, che non solo non si risparmia coi figli, ma in generale si rende utile in casa.

Leggi anche –> Anna Valle, l’attrice afflitta da una malattia cronica: “Dolori continui”