Asia Argento, morta la mamma Daria: il lutto dell’attrice

0
741

Il dramma di Asia Argento, morta la mamma Daria: il lutto dell’attrice, chi era la musa del regista del cinema horror.

(Instagram)

Si è spenta a 70 anni Daria Nicolodi, musa di Dario Argento e mamma della secondogenita del noto regista, ovvero l’attrice e regista Asia Argento. Lascia anche due nipoti nati rispettivamente nel 2001 e nel 2008. L’attrice era figlia di un avvocato che aveva partecipato alla Resistenza. La madre, Fulvia Casella, era la figlia del compositore Alfredo Casella. Trasferitasi a Roma, la donna conobbe lo scultore Mario Ceroli, con il quale ebbe una relazione.

Leggi anche: Morte Maradona, chi è Hugo: il fratello del Pibe de Oro vive in Italia

Chi era Daria, la mamma di Asia Argento

A giugno 1972 Daria Nicolodi divenne mamma della figlia primogenita, Anna, deceduta in un incidente stradale il 29 settembre 1994. Iniziò in quegli anni la sua carriera nel mondo dello spettacolo, prima in tv e poi al cinema, dove ebbe un ruolo in un film di Elio Petri, La proprietà non è più un furto, del 1973. Recitò anche con Carmelo Bene, in Salomè. In precedenza aveva recitato in Uomini contro, regia di Francesco Rosi. Ma decisivo fu l’incontro con Dario Argento, che la scelse come sua musa, facendola esordire in Profondo Rosso. Furono diversi i film che la videro protagonista.

Nel 1975, nacque la figlia della coppia, Asia Argento. La donna oggi ha dedicato alla mamma scomparsa queste parole: “Ora puoi volare libera con il tuo grande spirito e non dovrai più soffrire. Io cercherò di andare avanti per i tuoi amati nipoti e soprattutto per te che mai mi vorresti vedere così addolorata. Anche se senza di te mi manca la terra sotto i piedi, e sento di aver perso il mio unico vero punto di riferimento. Sono vicina a tutti quelli che l’hanno conosciuta e l’hanno amata. Io sarò per sempre la tua Aria”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da asiaargento (@asiaargento)

Leggi anche: Diego Armando Maradona, la famiglia italiana: “Non andrai mai via”