Il mistero di Pierpaolo Dionisi, scomparso a Bruxelles da 2 anni

0
747

Del 36enne teatino partito per il Belgio per lavoro, non si hanno più notizie dal luglio 2019. La famiglia lancia appelli disperati.

Pierpaolo Dionisi è partito da Chieti Scalo il 31 gennaio 2019 alla volta di Bruxelles, città nella quale aveva trovato un lavoro stabile. Dopo qualche mese, i contatti con l’uomo si sono fatti sempre più radi, fino a scomparire completamente nel nulla. La sua famiglia è disperata, vuole sapere se sta bene e per questo ha fatto un appello pubblico anche al programma di Rai Tre “Chi l’ha visto?” condotto da Federica Sciarelli.

Leggi anche -> Covid, uno studio: bambino positivo a Milano già a novembre 2019

Il mistero della scomparsa di Pierpaolo Dionisi

“Vorremmo solo sapere se sta bene. È un dolore troppo grande, temiamo che gli sia successo qualcosa di grave”. Sono queste le uniche parole che Bruno, padre di Pierpaolo Dionisi, riesce a pronunciare davanti alla telecamera di “Chi l’ha visto?”, in onda su Rai Tre.

I familiari hanno deciso di rivolgersi al programma della Sciarelli perché non hanno più notizie di Pierpaolo dal luglio 2019. Si sono rivolti anche ai Carabinieri di Chieti, denunciando la scomparsa dell’uomo, ma al momento il telefono non ha mai squillato per nessun avvistamento.

Pierpaolo Dionisi ha 36 anni, è padre di due splendide bimbe e compagno di Clara. Nel gennaio 2019 decide di tentare la fortuna all’estero, andando a cercare lavoro in Belgio, a Bruxelles, visto che in Italia è un precario. L’uomo trova nella città belga un’occupazione mai ben specificata ai familiari, che lo costringe però a stare stabilmente all’estero.

Non mancano i messaggi di affetto per la sua famiglia, per Clara, per le sue bimbe e per i suoi genitori. Appena può, Pierpaolo torna a Chieti per qualche giorno ma poi riparte nuovamente per coprire le sue mansioni. L’uomo, però, nel corso dei mesi dirada sempre più i contatti con le sue radici, fino a sparire completamente. L’ultimo messaggio di Pierpaolo risale al 9 luglio 2019, poi solo silenzio.

Alle telecamere del programma, Clara ha raccontato che Pierpaolo le aveva riferito di dover cambiare numero e acquistare una scheda belga. Ma il nuovo contatto telefonico, Pierpaolo non lo ha mai dato a nessuno dei suoi familiari. Nel corso dell’intervista, la trasmissione ha anche fatto sentire la registrazioni di alcuni file audio tra Pierpaolo e Clara, parole piene di affetto che non lasciavano minimamente presagire la volontà di scomparire.

Leggi anche -> Google, ricerche del 2020: quali sono le parole chiavi più frequenti

Per questo i familiari hanno timore che all’uomo possa essere accaduto qualcosa di molto grave che gli impedisca di mettersi in contatto con l’Italia. “Le tue bimbe ti aspettano, fai sapere solo se stai bene” ha concluso Clara nell’appello lanciato dalla Sciarelli.