Paolo Rossi, furto a casa. La moglie: “Infangato nel giorno dei funerali”

0
605

Furto a casa di Paolo Rossi mentre a Vicenza si svolgevano i funerali, il commento della moglie al Quotidiano Nazionale

Da veri sciacalli non si sono fermati davanti a nulla. Ha provocato dispiacere e rabbia la notizia del furto a casa di Paolo Rossi mentre a Vicenza si svolgevano i suoi funerali. Con la famiglia distrutta dal dolore qualcuno ha ben pensato di intrufolarsi nella casa di Pablito a Bucine in Toscana e portare via tutto ciò ritenuto di valore.

La prima ad accorgersi del furto è stata la moglie Federica Cappelletti. Fu proprio lei a dare notizia della scomparsa di qualche notte fa. Intervistata da QN, il Quotidiano Nazionale, ha commentato la vergognosa vicenda dicendo che hanno voluto infangare Paolo “nel momento in cui tutta l’Italia lo piangeva”.

Ciò che fa più male è il gesto, intrufolarsi in casa proprio nei giorni del funerale: “Potevano portare via anche 100mila euro, è il gesto che stordisce“, ha tuonato la donna.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Gisela Madrid, l’infermiera che ha assistito Maradona

Paolo Rossi, cosa hanno rubato dalla casa

Tra le cose portare via ci sarebbe anche un Rolex al quale l’ex campione del mondo era molto affezionato. Pablito, infatti, aveva una passione per gli orologi. I ladri si sarebbero intrufolati in casa entrando dalla finestra e ci sarebbero segni di scassi. Sono in corso indagini per chiarire la vicenda.

Purtroppo non è la prima volta che quella zona entra nel mirino di ladri. Secondo le prime indiscrezioni pare che non stato un solo individua a entrare in casa ma più persone. I carabinieri della Compagnia di San Giovanni Valdarno hanno setacciato tutte le stanze per rilevare eventuali impronte.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Corrado Augias restituisce alla Francia la Legion d’Onore: le motivazioni e i precedenti

Sarebbero stati portati via in contanti solo 150 mentre non sarebbero state neanche toccati i trofei e le medaglie vinte da Rossi nel corso della sua carriera. Atto “vile e vomitevole” ha commentato il sindaco di Firenze Dario Nardella.