Infettivologo Bassetti: “Prossima pandemia? Probabilmente la febbre gialla”

0
567

L’allarme è stato lanciato questa mattina dall’infettivologo Bassetti: ecco perché la febbre gialla potrebbe essere la prossima pandemia.

Coronavirus Bassetti

L’infettivologo Matteo Bassetti dal suo profilo Facebook questa mattina, lunedì 14 dicembre, ha lanciato una notizia che ha destato già non poche preoccupazioni. Secondo l’esperto dovremmo aspettarci presto una prossima pandemia, non di un nuovo Coronavirus, bensì di febbre gialla: ecco perché.

Leggi anche -> Fedez cuore d’oro: distribuisce pacchi di soldi a lavoratori e senzatetto

Le parole dell’infettivologo Matteo Bassetti

Secondo l’infettivologo del San Martino di Genova ci sarebbe una nuova epidemia pronta a dilagarsi a livello globale, la febbre gialla. Dal suo profilo Facebook, l’esperto ha lanciato infatti l’allarme, apportando non poche spiegazioni sull’alta probabilità di diffusione di questa malattia virale.

“La febbre gialla è una seria candidata per una futura pandemia” ha sentenziato Bassetti, descrivendo poi le ragioni per cui la sua affermazione non sarebbe così astrusa: “C’è il rischio che in Italia, a causa del fenomeno della tropicalizzazione, possano diffondersi malattie tipiche di fasce climatiche differenti”.

L’infettivologo sottolinea come il fenomeno dei cambiamenti climatici sia strettamente collegato alla proliferazione dei virus e alla loro diffusione. Di esempi, l’infettivologo ne riporta molti: “È già successo con il virus del Nilo Occidentale, che può provocare malattie gravi del cervello. Oppure il virus chikungunya, trasmesso dalla zanzara tigre tipico di alcune aree tropicali diventando addirittura endemico in un’area del Polesine. Per non parlare della febbre gialla in America Latina. A causa del cambiamento climatico, il suo vettore di trasmissione principale, un determinato tipo di zanzara, si sta diffondendo enormemente in tutto il mondo, spesso portando il virus con sé”.

Leggi anche -> Coronavirus, Emilio Fede ricoverato: paura per il giornalista

Nel suo lungo post, Bassetti cerca di portare l’attenzione su altri tipi di malattie che ci sono ancora e che continuano a progredire e mutare, anche se il Covid-19 le ha totalmente eclissate: “Mi piacerebbe dirvi, ora che il Covid-19 ha rubato la scena alle altre numerosissime realtà virali infettive, che sia lui il nostro unico problema. E che una volta sconfitto, saremo tranquilli. Mi piacerebbe davvero. Ma purtroppo non c’è nulla di più distante dalla realtà“.