Boss in incognito, Enrico Galasso: chi è l’ad della Birra Peroni

0
1003

Su Raidue torna il programma Boss in incognito, Enrico Galasso: chi è l’ad della Birra Peroni, carriera e curiosità sul manager italiano.

(screenshot video)

Protagonista della puntata del 21 dicembre di Boss in incognito, trasmissione di Raidue condotta da Max Giusti, è Enrico Galasso, da circa un anno Amministratore Delegato di Birra Peroni. Classe 1972, a novembre 2019 il manager italiano succede a Neil Kiely che ha guidato Peroni negli ultimi 5 anni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Erminio Sinni: Gigi D’Alessio lo riconosce “Sei famoso”

Ha una lunga esperienza nel campo del managemente dei beni di largo consumo. Infatti, il noto manager italiano ha iniziato la sua carriera nel Regno Unito in Procter & Gamble, per poi tornare in Italia in Bain & Co. Quindi ha avuto ruoli in Ferrero, nello specifico nell’area Marketing e Vendite.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Erminio Sinni, finalista a The Voice Senior: la verità su Mia Martini

Cosa sapere su Enrico Galasso, protagonista di Boss in incognito

A partire dal 2012 entra in Coca Cola HBC Italia di cui diventa Direttore Commerciale. Passa poi a ricoprire la carica di General Manager del cluster Centro-Est Europa in Reckitt Benckiser. L’ultimo e più importante incarico infine nel mondo Peroni, diventando addirittura amministrazione delegato dell’azienda Birra Peroni, sicuramente uno dei marchi di birra più noti d’Italia. Un grande successo questo per la sua carriera di manager, che Enrico Galasso ha salutato con soddisfazione.

Ha sottolineato infatti dopo l’incarico: “Sono molto felice e orgoglioso di intraprendere quest’importante sfida. Birra Peroni è un’azienda legata da oltre 170 anni alla storia italiana, con marchi che sono entrati nell’immaginario collettivo. Parliamo di una realtà in forte crescita, grazie anche a importanti investimenti – circa 90 milioni di euro negli ultimi 10 anni – che hanno permesso di aumentare la capacità produttiva dei 3 stabilimenti di Roma, Bari e Padova”.