Autocertificazione, ecco il modulo per le feste di Natale e Capodanno

0
2108

Sul sito del governo è disponibile il nuovo modulo dell’autocertificazione da compilare durante le festività di Natale e Capodanno per gli spostamenti.

autocertificazione natale capodanno 2020
Marco Di Lauro/Getty Images

Il nuovo Decreto Legge Natale entrato in vigore sabato 19 dicembre sarà valido fino a mercoledì 6 gennaio. Durante le festività per motivare gli spostamenti dalla propria abitazione sarà necessario compilare il modulo dell’autocertificazione che è possibile trovare sul sito del ministero dell’interno (Clicca qui per scaricare il documento pdf).

Ti potrebbe interessare anche -> Decreto Legge Natale, Conte agli italiani: “Ecco cosa si può fare e cosa è vietato”

Autocertificazione per le feste di Natale e Capodanno: istruzioni per l’uso

Il documento deve essere portato con sé per giustificare qualsiasi spostamento in zona rossa. Perciò i giorni in cui occorre avere l’autocertificazione sono il 24, 25, 26, 27 e 31 dicembre, e 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio. Gli spostamenti tra Regioni non sono consentiti né in zona rossa né in zona arancione, se non per le solite comprovate esigenze.

Nei giorni in cui l’Italia passa alla zona arancione, il 28, 29, 30 dicembre e 4 gennaio, il modulo non è obbligatorio per spostarsi all’interno del proprio Comune o al di fuori di esso se con meno di 5mila abitanti e comunque nel raggio di 30 km. Se invece il Comune di appartenenza supera i 5mila abitanti e si ha la necessità di spostarsi al di fuori, l’autocertificazione è necessaria anche in zona arancione.

Ti potrebbe interessare anche -> Bonus idrico, ecoincentivi, Cig e superbonus: le novità sulla Manovra

Le motivazioni valide a giustificare gli spostamenti sono quelle relative alle comprovate esigenze lavorative, ai motivi di salute e “altri motivi ammessi dalle vigenti normative ovvero dai predetti decreti, ordinanze e altri provvedimenti”. La multa per i trasgressori può arrivare fino ai 1000 euro.

Nella compilazione del documento occorre indicare, oltre ai motivi delle uscite, anche i dati anagrafici, di residenza, il numero di telefono, la partenza e la destinazione degli spostamenti. Qualora il cittadino dovesse essere sprovvisto dell’autocertificazione al momento del controllo, a fornirlo saranno le forze dell’ordine.