Suicidio shock nel Canavese: videochiama la figlia piccola e si spara

0
538

Tragico suicidio in un piccolo paese del Canavese: l’uomo, che era stato denunciato per maltrattamenti, avrebbe compiuto l’orribile gesto per punire la moglie.

suicidio canavese

La drammatica notizia di un uomo che si è suicidato durante una videochiamata con la figlia piccola ha lasciato sgomenta tutta la comunità del Canavese, in Piemonte. La bambina che ha assistito all’orribile scena, di soli 6 anni, è la minore dei tre figli ed è rimasta sotto shock. Il padre, 53enne, si è tolto la vita sparandosi domenica 20 dicembre.

A chiamare i carabinieri è stata la vicina dell’uomo dopo aver sentito un forte colpo di pistola proveniente dalla sua abitazione. I soccorsi giunti sul posto non hanno potuto che constatarne il decesso. L’arma utilizzata per il suicidio, una beretta calibro 6.35, era detenuta illegalmente. Sul tavolo accanto al corpo dell’uomo è stato trovato un biglietto di accuse rivolte alla moglie.

Ti potrebbe interessare anche -> Firenze, giallo delle valigie: arrestata l’ex fidanzata del figlio delle vittime

Suicidio nel Canavese durante una videochiamata: l’uomo era stato denunciato

La donna aveva denunciato il marito per maltrattamenti alcuni mesi fa e la scorsa estate lo aveva lasciato per traferirsi in una comunità protetta insieme ai tre figli. Ai carabinieri aveva rivelato di aver paura di essere uccisa, facendo scattare il codice rosso.

Ti potrebbe interessare anche -> Firenze, pubblica la chat con la mamma morta di Covid a 55 anni: “Basta negazionisti”

Domenica sera l’uomo avrebbe videochiamato la figlia più piccola con un piano preciso: togliersi la vita di fronte a lei in diretta, con il fine di punire la donna. A testimoniarlo sarebbe stato il biglietto lasciato sul tavolo.