Blu Yoshimi: chi è la giovane attrice di Un Natale con i Fiocchi

0
631

Carriera e curiosità su Blu Yoshimi: chi è la giovane attrice di Un Natale con i Fiocchi, oggi tra le più amate nuove leve del nostro cinema.

(screenshot video)

Romana classe 1997, Blu Yoshimi è figlia d’arte: sua madre è l’attrice Lidia Vitale, suo padre il produttore Alex di Martino. Inoltre, ha ottenuto il secondo nome – che in giapponese significa “bella e buona” dal leader spirituale Daisaku Ikeda.

Leggi anche –> Morto Leslie West, lutto per il decesso della leggenda del rock

A soli 8 anni esordisce in tv nella nella miniserie La freccia nera e l’anno dopo è Claudia nel film Caos calmo, regia di Antonello Grimaldi. Ottiene quindi negli anni diversi ruoli secondari in fiction e serie televisive.

Leggi anche –> Lutto nel mondo della musica: addio a Chad Stuart del duo Chad & Jeremy

Cosa sapere su Blu Yoshimi, giovane e amata attrice italiana

A 15 anni, nel 2012, partecipa al film tv Un Natale con i fiocchi, prodotto da Sky per la regia di Giambattista Avellino, in cui interpreta il ruolo di Alessia Fiocchi. Qualche anno dopo, interpreta il ruolo di Celeste, la cugina della protagonista, nel film opera prima del regista Carlo Lavagna, Arianna, presentato fuori concorso a Venezia. Il suo primo ruolo da protagonista è nel film Piuma del regista Roan Johnson, che viene presentato in concorso l’anno successivo a Venezia. Di recente è entrata nel cast di Likemeback e Gli indifferenti, entrambi per la regia di Leonardo Guerra Seràgnoli.

Quest’anno è tornata a Venezia, dove è stata protagonista alle “Giornate degli autori” con “Cigare au miel”, opera della regista franco-algerina Kamir Aïnouz. Sul rapporto con la mamma Lidia Vitale, ha raccontato in un’intervista a “Il Giornale”: “È una immensa fonte di ispirazione, mi ha subito indirizzato sulla mia strada affinché potessi avere una carriera indipendente dalla sua. È stata una scelta saggia che, ad oggi, ci permette di avere uno scambio e un confronto aperto e di lavorare insieme divertendoci. Potersi sentire dire il meglio e il peggio da una collega (e viceversa) è una grande fortuna!”.